Norcia, servizi sanitari: intervento del Sindaco Alemanno

Norcia, servizi sanitari: intervento del Sindaco Alemanno

Norcia, servizi sanitari: intervento del Sindaco Alemanno

Il Sindaco di Norcia Nicola Alemanno ha partecipato al Consiglio Comunale aperto convocato dal Comune di Spoleto, relativo al Terzo Polo Ospedaliero dell’Umbria e ai servizi sanitari a Spoleto e in Valnerina.

Presenti, la Presidente della Giunta Regionale Donatella Tesei, l’ Assessore alla Sanità Luca Coletto, il Direttore della Sanità Regionale Massimo D’ Angelo e il Direttore della USL 2 Massimo De Fino e i Sindaci del territorio oltre a moltissime associazioni spoletine.

“Abbiamo avuto l’opportunità di un ulteriore confronto sulla DGR dello scorso novembre che istituisce il Terzo Polo, un’occasione importante su un tema tanto delicato quanto sentito e partecipato come è quello della nostra Sanità territoriale” ha detto il Sindaco.

“Sappiamo bene quanto, purtroppo, le scelte politiche debbano tener conto di ‘freddi’ numeri che mettono a rischio la sanità territoriale in una Regione piccola come la nostra. Per questo motivo – continua – l’orizzonte del Terzo Polo ospedaliero è una strada seria, concreta e percorribile per garantire la sopravvivenza dei nostri nosocomi, affinchè possano erogare servizi di qualità, interconnessi e complementari tra loro. Chi fa politica deve essere in grado anticipare i tempi. Già nel 2005, nel corso del mio primo mandato – ricorda Alemanno – convinsi l’allora primo cittadino di Cascia a credere nella bontà della prospettiva dell’integrazione tra i nostri ospedali evitando qualsiasi duplicazione dei servizi fino ad allora oggetto di disfide campanilistiche.
Oggi, grazie a quelle scelte ed alla sensibilità dell’attuale Governance regionale, i nostri ospedali non solo non saranno chiusi ma potenziati.

Voglio rivendicare come, solo una politica seria, responsabile e lungimirante quale quella da noi portata avanti in questi anni, sia in grado di garantire i servizi essenziali alle nostre comunità. Ciò che invece non è stato fatto dalle comunità di Foligno e Spoleto insieme alla Regione Umbria quando scelsero di posizionare il nuovo ospedale di Foligno nell’attuale sito invece che nei pressi di Trevi. Non abbiamo bisogno di campanilismi ma di difendere i campanili”.

Altro tema fondamentale sollevato dal Sindaco Alemanno durante la discussione è stato quello relativo ai servizi per il territorio e l’organizzazione territoriale del nuovo distretto.
Il nuovo Piano dei Fabbisogni della rete ospedaliera umbra che ha recepito tutte le richieste avanzate dalla comunità nursina, è stato preadottato a fine dicembre 2022 dalla Giunta Regionale e inviato al Ministero della Salute per l’approvazione cui seguirà l’adozione definitiva della stessa Giunta.

Il Piano nasce allo scopo di soddisfare i bisogni dei cittadini di ogni singolo territorio, aumentare la produttività ed efficientare il sistema pubblico sanitario. All’interno di questo vengono identificate due aree disagiate e di confine quali Città della Pieve e Norcia, cui si dà risposta grazie alla presenza di due ospedali con Pronto Soccorso H24.
“E’ dal 2009-2011 che non parliamo più di Piani Sanitari Regionali” ha detto il Sindaco Alemanno nel suo intervento a Spoleto. “Oggi finalmente torniamo a farlo, discutendo di scelte coraggiose e consapevoli che riguardano un tema tanto sensibile.

Nel nuovo piano sanitario si parla di ridistribuzione dei servizi di emergenza-urgenza, di organizzazione di interventi programmati e di elisoccorso H24, finalmente in Umbria, che consentirà di abbattere le distanze e prestare immediato intervento in caso di necessità.
È iniziata la fase di ristrutturazione post sisma dell’ospedale di Norcia ma in questi anni, pur nelle difficoltà e criticità oggettive, non sono mai mancati i servizi essenziali grazie all’impegno del personale sanitario, servizi che non saranno interrotti nemmeno con il cantiere in corso.

I nostri concittadini – continua Alemanno – hanno il diritto di avere servizi sanitari adeguati, che devono poter rispondere alle esigenze in maniera puntuale e sicura, riducendo il più possibile le liste di attesa attraverso una riorganizzazione dei CUP annunciata dall’ Assessore Coletto e del direttore della sanità regionale D’Angelo, nella riunione che si è svolta a Norcia lo scorso 6 dicembre nel corso della quale i nostri cittadini e le associazioni hanno avuto la possibilità di rivolgere ai vertici della sanità umbra tutte le loro domande.

Si sta predisponendo una “finestra” nel software per rendere automatica la prioritaria attenzione per gli esami nelle sedi più prossime per i malati oncologici, gli ultra sessantacinquenni e i disabili.
Nei prossimi giorni –prosegue il primo cittadino – incontrerò nuovamente il Direttore Sanitario della USL 2 De Fino per definire diverse situazioni e di come si intenda impiegare l’importate donazione di 1 milione di euro del Kuwait, a disposizione della Comunità per il milgioramento delle attrezzature mediche e della diagnostica ospedaliera. Non c’è ricostruzione senza comunità e ad essa vanno assicurati tutti i servizi sanitari adeguati. Questo è quanto noi abbiamo fatto in questi anni, lasciando ad altri fake news, meschine strumentalizzazioni ed atteggiamenti incocludenti. Noi continuiamo a produrre fatti concreti.” conclude Alemanno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*