Il Museo della Canapa aderisce ai progetti In Vitro e Nati per Leggere

 
Chiama o scrivi in redazione


Il Museo della Canapa aderisce ai progetti In Vitro e Nati per Leggere
Il Museo della Canapa aderisce ai progetti In Vitro e Nati per Leggere

Il Museo della Canapa aderisce ai progetti In Vitro e Nati per Leggere
Il Museo della Canapa – Antenna dell’Ecomuseo della Dorsale Appenninica Umbra -aderisce ai progetti In Vitro e Nati per Leggere con l’iniziativa “Favole al Telaio”, il progettodi lettura per i bambini dagli 0 ai 6 anni.All’interno del Museo, infatti, opera un “promotore della lettura” che è anche un lettore volontario “formato” per svolgere attività Nati per Leggere.
Gli appuntamenti, con cadenza mensile, prenderanno il via a partire da sabato 17 ottobre, dalle 16.00 alle 18.00, presso i nuovi laboratori del Museo della Canapa, a Sant’Anatolia di Narco.

© Protetto da Copyright DMCA

Si tratta di un’iniziativa di promozione della lettura, un esempio innovativo e creativo per diffondere la cultura, la rivalutazione del territorio e il piacere della lettura.

In particolare “Favole al Telaio” prevede la lettura animata di favole e storie che hanno come filo conduttore il tessile declinato in tutte le sue sfaccettature, dalla filatura alla tessitura alle fibre tessili in generale, e una parte laboratoriale legata al tematismo della favola. “Favole al Telaio” nasce con l’obiettivo di intensificare i rapporti fra museo e comunità, con iniziative in grado di valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico dell’area dell’Ecomuseo della Dorsale Appenninica. È importante che anche luoghi di cultura come musei e biblioteche siano parte integrante di attività di sensibilizzazione e promozione della cultura per bambini di tenera età.

I Servizi Didattici del Museo della Canapa da sempre si rivolgono ai bambini, nella convinzione che attraverso il gioco sia possibile avvicinarli alle tematiche rappresentate dal Museo, per far nascere in loro la curiosità di scoprire e di imparare facendo. In questo modo i giovani visitatori-tessitori si sentono protagonisti di una scoperta, come è quella del telaio, partendo dalle favole e dai racconti per arrivare alla realizzazione di un manufatto.

I laboratori didattici del Museo sono pensati, infatti, appositamente per i bambini, per far si che attraverso la manipolazione e il gioco possano stimolare la creatività e sviluppare attraverso l’esperienza laboratoriale la coscienza e la conoscenza di saperi e di abilità, di risorse e acquisizioni delle eredità culturali e da queste partire per affrontare saperi, linguaggi, eventi della cultura e della realtà contemporanea, tracciando un potenziale collegamento tra la cultura del passato e quelle moderne.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*