Gruppo consiliare Norcia nel Cuore: “I cittadini hanno diritto di conoscere”


Scrivi in redazione

Gruppo consiliare Norcia nel Cuore: "I cittadini hanno diritto di conoscere"
Gruppo consiliare Norcia nel Cuore: "I cittadini hanno diritto di conoscere"

Gruppo consiliare Norcia nel Cuore: “I cittadini hanno diritto di conoscere”.
dal Gruppo consiliare Norcia nel Cuore
Con il presente comunicato intendiamo portare a conoscenza i cittadini di Norcia del grave comportamento del Sindaco Alemanno nel Consiglio Comunale del 19/10/2015. Nei giorni scorsi, il nostro gruppo ha presentato per iscritto al Sindaco 14 interrogazioni aventi ad oggetto i seguenti argomenti:

1. Variante per riconversione piscina coperta;

2. Piano del traffico centro urbano chiusura di Via Solferino al traffico veicolare;

3. Gestione parcheggi-parchimetri, soggetti interessati;

4. Mattatoio Comunale;

5. Comitato Pro Nursia – attività – contributi;

6. Organigramma comunale -nuovo assetto organizzativo-

7. Vacanza del responsabile area economico finanziaria;

8. Mostra Mercato del tartufo – eventi e affidamento incarichi;

9. Mostra Mercato del Tartufo – quadro economico e spese effettuate;

10. Affidamento incarico “quadro strategico/ Master Plan: Caire Urbanistica di Reggio Emilia – Unisky srl di Venezia – Omnilab di Norcia- Omnigis di Norcia

11. Mezzi Pubblici di rappresentanza Alfa 159 – Fiat Panda – Fiat Punto

12. Mercatino dell’antiquariato

13. Capitale Italiana (Europea) della cultura

14. Expo 2015- partecipazione della città di Norcia

Il Sindaco, palesemente spalleggiato dal segretario comunale, nella stesura dell’ordine del giorno per i lavori del consiglio ometteva di indicare l’oggetto delle singole interrogazioni e i relativi argomenti, nonché i relatori delle medesime; il tutto in disprezzo dei contenuti del regolamento comunale nonché delle leggi vigenti in materia di pubblicità degli atti e dei lavori del consiglio comunale, limitandosi ad inserire un solo punto all’ordine del giorno privo degli argomenti trattati e recante il solo riferimento di protocollo senza considerare, altresì, che le stesse interrogazioni erano sottoscritte quattro dal capogruppo Stefanelli, quattro dal consigliere Balsana e sei dal consigliere D’Ottavio.

Ovviamente, non possiamo non censurare un simile comportamento che non trova precedenti in nessun altro comune, provincia, regione, parlamento.

I cittadini hanno il diritto di conoscere quali siano gli argomenti dei lavori che si svolgono in consiglio, indipendentemente dal fatto che tali argomenti siano di gradimento, o meno, del Sindaco il quale non può arrogare a sé il diritto di modificare a suo piacimento la stesura dell’ordine del giorno, al fine di nascondere alla cittadinanza gli argomenti delle interrogazioni consiliari. Le interrogazioni da noi presentate erano ben esplicitate nel contenuto da cui sia il Sindaco Alemanno che il Sig. Segretario De Cesare, qualora avessero voluto rendere chiari e visibili alla città intera i temi trattati, ben potevano estrapolare, anche sinteticamente, il sunto del contenuto senza tentare, come invece hanno fatto prima durante e dopo i lavori del consiglio, di sollevare un pretestuoso ed inesistente vizio di forma sulle nostre interrogazioni che a loro dire sarebbero prive dell’”oggetto” e, quindi, non elencabili. Precisiamo che nel regolamento comunale è previsto solo che le interrogazioni abbiano la forma scritta e non anche che siano corredate di “oggetto”.

Il sindaco, inoltre, come fa solitamente per gli argomenti che a Suo avviso sono più degni di pubblicazione, poteva tranquillamente rendere noti gli argomenti del consiglio del 19/10/2015 sul sito istituzionale del comune di Norcia dove, invece, non ve ne è traccia ed inoltre, da qualche giorno non funziona più bene neanche diretta streaming dei lavori del consiglio.

Evidentemente gli argomenti delle interrogazioni consiliari contengono più di una questione “scottante” per Alemanno e per la sua maggioranza che lo hanno indotto a tenere una simile linea difensiva che, però, produce l’effetto contrario, ovvero, di ulteriore indebolimento di una posizione già fortemente debole agli occhi di tutti:pensare di poter continuare ad amministrare giocando a nascondino su simili tematiche di interesse generale dove sono in gioco parecchi soldi pubblici dei cittadini di Norcia, immobili appartenenti patrimonio comunale, conflitti di interessi, denotano un profondo stato di debolezza del Sindaco e dell’intera maggioranza.

Sono caratteristiche queste di un’amministrazione che arranca giorno dopo giorno e che tenta invano di mascherare alla città la propria essenza che però, come in passato, non ha potuto tardare a tornare in superficie: altro che “rispetto per Norcia”.

Evidenziano un’amministrazione incapace di dare obiettivi concreti di sviluppo e di crescita per la città e che, come se questo non bastasse, pensa anche di poter celare, con simili giochetti, le proprie scelte sbagliate e dannose: troppi sono diventati i campanelli d’allarme che ci inducono, nell’interesse di tutti, ad aumentare necessariamente il “livello di guardia” nei confronti di Alemanno e del suo staff.

Pertanto, per rispetto, si, dei cittadini di Norcia e delle vigenti leggi in materia che tutelano la democrazia e la trasparenza, il gruppo “Norcia nel Cuore” ha deciso di ripresentare le interrogazioni, corredate di “oggetto” al fine di rendere pubblici tutti gli argomenti prima della trattazione nel prossimo consiglio comunale a cui invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare appena sarà nota la data di convocazione.

Gruppo Consiliare Norcia nel Cuore

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*