Due anni dal terremoto, per la Lega esistono ancora numerose criticità a Norcia

Due anni dal terremoto, per la Lega esistono ancora numerose criticità a Norcia
lega valnerina foto

Due anni dal terremoto, per la Lega esistono ancora numerose criticità a Norcia “A distanza di quasi due anni dal terremoto, la situazione economico-sociale in Valnerina e in particolare a Norcia, è drammatica”. L’intervento è del referente della Lega Valnerina, Alberico Brandimarte.

“L’ospedale è praticamente inesistente”

“La realtà è sotto gli occhi di tutti: da una parte Regione e Comune continuano a sfornare inaugurazioni fasulle, dall’altra, gli operatori turistici lanciano appelli affinchè si muova qualcosa che ridia speranza alla comunità”.
Secondo l’esponente leghista sono presenti ancora numerose criticità nella Valnerina umbra post-terremoto: “L’ospedale è praticamente inesistente – prosegue – Anche se illustri ingegneri hanno verificato che il terremoto non ha creato danni gravi e la struttura è pertanto agibile per il 90/95%, l’edificio è ormai relegato a un semplice ambulatorio medico e si prevedono tempi ancora molto lunghi per la piena riattivazione, se non addirittura la chiusura dell’ospedale. Anche gli operatori che vi lavorano sono sfiduciati per il futuro”.

Leggi anche: Tempi biblici per il nuovo ospedale

Il difficile ritorno a Norcia

Altra nota dolente quella relativa “agli istituti riuniti di beneficenza” i quali, secondo Brandimarte, “a tutt’oggi non sono riusciti neppure ad organizzare una struttura provvisoria per poter ospitare gli anziani di Norcia “dispersi” in tutta l’Umbria e che per buona parte non hanno ancora fatto ritorno nella propria terra”.

Viabilità tra semafori e lavori incompleti

Un altro dei danni causati dal terremoto “è quello riguardante la viabilità – spiega – che oggi ancora non vede luce. La strada per Castelluccio è piena di semafori e con accesso solo diurno, il collegamento con la Salaria e la galleria San Benedetto è percorribile ad orari assurdi che non hanno una logica: se nei giorni feriali potrebbero esserci intralci ai lavori, cosa impossibile in quanto il tracciato della strada secondaria non va ad incidere con i cantieri dei viadotti, nei giorni festivi si potrebbe pensare di aprire tutto il giorno per ridare fiducia e ossigeno agli operatori turistici e ai turisti stessi che, per fortuna, hanno conservato la voglia e l’abitudine di visitare Norcia.
Ma non basta. Si può e si deve fare di più per assicurare un futuro a questi territori”.

Un segnale forte è arrivato, intanto, dal Governo Lega-5Stelle che ha approvato il decreto legge sul terremoto che contiene una serie di misure urgenti per la popolazione del centro Italia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
20 × 30 =