Norcia, 25 Aprile. “Occasione per riflettere sull’importanza della ricorrenza

Superare gli steccati ideologici per raggiungere la Pace

 
Chiama o scrivi in redazione


Norcia, 25 Aprile. “Occasione per riflettere sull’importanza della ricorrenzaNorcia, 25 Aprile. “Occasione per riflettere sull’importanza della ricorrenza

Norcia, 25 Aprile. “Occasione per riflettere sull’importanza della ricorrenza

Celebrata la Festa della Liberazione a Norcia, lunedì 25 aprile. Da Porta Romana, l’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Nicola Alemanno e i rappresentanti delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma della città hanno raggiunto Piazza Vittorio Veneto . Ai piedi del monumento ai caduti è stata deposta una corona ed è stato reso omaggio dal primo cittadino. Ad accompagnare la solennità del momento, le note del Silenzio, eseguite dal Complesso Bandistico città di Norcia che, con la direzione di Luca Panico, ha accompagnato con l’esecuzione del ‘Piave’, dell’ Inno Nazionale e di altri brani la giornata. Il momento di preghiera e la benedizione è stato tenuto dal parroco, Don Marco Ruffini.

“Questa ricorrenza, proprio per la particolarità della nostra condizione attuale deve vederci impegnati in una riflessione non solo sull’importanza di questa data per la memoria collettiva ma soprattutto in riferimento alla guerra che si sta combattendo in Ucraina, nel nostro Vecchio Continente” ha detto Alemanno.

“Da Norcia, in occasione della visita del Presidente Mattarella il 25 febbraio scorso – ricorda – si è levato un accorato appello per la Pace. Le grandi potenze ed organismi mondiali avrebbero dovuto mettere per tempo ogni azione diplomatica possibile per scongiurare le conseguenti atrocità cui stiamo assistendo e che stanno minando la pace nel nostro nostro Continente.

Più che mai abbiamo bisogno dell’ Europa unita, e superare così gli steccarti ideologici, divenuti oggi fuori dal tempo. Un’Europa che abbiamo visto quanto si sia fatta prossima alla nostra città all’indomani degli eventi sismici e alla quale dobbiamo dire ‘Grazie’ e al contempo dimostrare che noi per primi possiamo soprassedere alle divisioni, in nome di valori più alti come appunto quello della Pace. Credo profondamente – riprende Alemanno rivolgendosi in particolare ai giovani – che si debba essere orgogliosi di partecipare in modo attivo alla vita e al benessere della propria città, della propria collettività. Solo attraverso l’impegno diretto di ognuno, al di sopra di ogni interesse personale, con le proprie competenze e capacità, tutte utili, e ciascuno in funzione della propria disponibilità, sarà possibile realizzare il senso compiuto della parola ‘ricostruzione’.

Bisogna lottare per superare le crisi, noi lo stiamo facendo tutti insieme, come insieme dobbiamo sentirci orgogliosi di essere nursini, italiani ed europei” conclude il Sindaco.

Al termine della mattinata, un simpatico fuori programma. Il complesso Bandistico e i presenti hanno reso omaggio ai coniugi Ilde e Benedetto Bibiani, “giovane” coppia nursina che ha festeggiato proprio oggi il 62° anniversario di matrimonio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*