Parco Monti Sibillini cordoglio per scomparsa sindaco di Arquata del Tronto

 
Chiama o scrivi in redazione


Parco Monti Sibillini cordoglio per scomparsa sindaco di Arquata del Tronto

Parco Monti Sibillini cordoglio per scomparsa sindaco di Arquata del Tronto

Parco Monti Sibillini cordoglio per scomparsa sindaco di Arquata del Tronto. Il territorio del Parco perde un altro uomo delle istituzioni che, per anni, ha speso la vita a fianco dei suoi concittadini e di tutti coloro che abitano le terre devastate dal sisma.

Aleandro Petrucci era il sindaco di Arquata del Tronto, e lo è stato fino alla fine, cercando di portare avanti con coraggio e determinazione la grande sfida della ricostruzione. “Un uomo che ha dato tanto al territorio e alla sua gente” sottolinea Michele Franchi, attuale vicesindaco di Arquata e presidente della Comunità del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. “

  • A lui devo moltissimo, sia sul piano umano che politico amministrativo: l’essere un Comune, unico in Europa, a cavallo tra due parchi nazionali, è un grande privilegio ma anche una grande responsabilità.

Continueremo a portare avanti le sue idee e le sue battaglie, sempre nell’ottica di una valorizzazione delle aree interne che rappresentano una opportunità di sviluppo troppo spesso sottovalutata e che invece dovrà diventare una strategia centrale delle nuove politiche di gestione del territorio”.

Sulla stessa linea il presidente del Parco, Andrea Spaterna che, ricordando la figura di Petrucci, esprime a nome del consiglio direttivo e del personale dell’ente, “il grande rammarico per questa perdita. Abbiamo avuto modo di apprezzare le qualità dell’uomo e dell’amministratore, e ci stringiamo alla famiglia e ai suoi cari in queste giornate che dovrebbero essere di festa e che, invece, purtroppo, si coloreranno di tristezza

Il Parco porterà avanti con determinazione l’impegno per una ricostruzione nell’ottica della sostenibilità, confidando nella condivisione di idee e progetti con tutti i sindaci del territorio, come abbiamo sempre fatto e come continueremo a fare”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*