Aziende dell’Umbria, delle Marche e del Lazio impegnate in un’iniziativa di solidarietà

Parte il Tour gastronomico a favore della 'Fattoria di Sommati di Amatrice

Aziende dell’Umbria, delle Marche e del Lazio impegnate in un’iniziativa di solidarietà. Ventisei aziende dell’area colpita dal terremoto, che operano nell’agroalimentare, nella ristorazione e nella ricettività turistica si sono unite in un progetto di solidarietà a sostegno di chi in questo evento calamitoso ha perso proprio tutto. Ideando un tour gastronomico che si terrà in dieci ristoranti di Umbria, Marche e Lazio hanno deciso che il ricavato delle cene verrà interamente devoluto alla rinascita della ‘La Fattoria’ di Sommati di Amatrice, un’azienda-ristorante devastata dal sisma del 24 agosto, di proprietà della famiglia Bonanni. “Abbiamo voluto individuare uno di noi – hanno detto gli organizzatori- perché sappiamo quanto può essere importante per una piccola comunità rimettere in moto un’attività”.

Il progetto di solidarietà  è stato presentato nella Sala dei Savi del Palazzo dei Capitani di Ascoli Piceno dagli imprenditori Andrea Battilocchi, Francesco Filippi, Alice Alessandrini, dal sindaco di Vallo di Nera Agnese Benedetti, dall’assessore alla cultura di Ascoli Piceno Michela Fortuna e dalla consigliera Laura Trontini. Presente anche Nando Bonanni della ‘Fattoria’ che ha commosso i tanti presenti. Il ristorante ‘La Fattoria’ si trova a Sommati nella frazione principale di Amatrice, è stato completamente distrutto dal terremoto che ha cancellato anni di lavoro e sacrifici. “Non ho più niente- ha detto Nando Sommati- che a tredici anni partì con i fratelli dal suo paese per fare il lavapiatti nel locale ‘La Sagrestìa’ al Pantheon di Roma. Una carriera fatta di tappe, da lavapiatti a cameriere, poi il ritorno al paese e l’investimento nella ristorazione e nell’allevamento dei cavalli e delle pecore. Poi il disastro, tutto da ricominciare, anche con il peso dei lutti perché il terremoto oltre all’attività ha portato via parenti e amici.

Il tour gastronomico solidale è stato ideato da ristorante Beccofino, Locanda del Teatro, ristorante Il Casaletto, vineria e ristorante Marili, ristorante Apollinare, ristorante Piccolo Teatro, Degusteria del Gigante, trattoria Damiani e Rossi, Osteria Ophis, ristorante I pIceni, azienda agricola Calcabrina, Regina dei Sibillini, Marfuga, Brancaleone da Norcia, Paolini e Stanford Winery, Parco Sereno, Olive Gregori, azienda agricola Sibilla, Taberna Panis, Col di Corte, Fiorano, Vigneti Vallorani, Zafferano Piceno, Cioccolateria Vetusta Nursia, il Massaro.

Il primo appuntamento è per il 28 settembre a cena a Offida nel ristorante Ophis, il 4 ottobre all’Apollinare di Spoleto, il 10 ottobre da Beccofino a Norcia. Si partecipa alla cena e il ricavato viene accreditato su un conto corrente dedicato. Le altre date verranno comunicate attraverso la pagina Fb ‘A tavola per ricostruire’ dove è possibile anche prenotarsi. Un’occasione importante per ridare speranza e aiutare chi ha bisogno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
13 + 20 =