Che ne sarà di Casa Ancarano? C’è speranza dopo dissequestro centro Boeri

Tribunale Spoleto dice no a dissequestro struttura Ancarano Norcia

Che ne sarà di Casa Ancarano? C’è speranza dopo dissequestro centro Boeri “L’ annullamento del provvedimento di sequestro del centro polivalente di Norcia da parte della Cassazione ci dà fiducia e speranza anche per la nostra Casa Ancarano”. A dirlo è Venanzo Santucci, il presidente della Pro loco di Ancarano indagato, assieme al sindaco di Norcia, Nicola Alemanno e al direttore dei lavori, Riccardo Tacconi, per abuso edilizio e violazione delle norme paesaggistiche, per avere costruito il centro di aggregazione in una zona sottoposta al vincolo ambientale da parte dell’ ente Parco nazionale dei Monti Sibillini. “Casa Ancarano” era stata sottoposta a sequestro, da parte dei magistrati della procura di Spoleto, ai primi di gennaio. I legali dei tre indagati ne avevano chiesto il dissequestro appellandosi al tribunale del Riesame che aveva però confermato i sigilli alla struttura. “La decisione della Cassazione speriamo che si rifletta anche sul destino del nostro centro”, aggiunge Santucci. “Anche perché – spiega – per la nostra comunità è di fondamentale importanza poter contare su uno spazio comune. Inoltre se non si portano a termine i lavori si corre il rischio che i materiali montati si possano deteriorare, il legname ad esempio sta già cambiando colore, doveva essere ricoperto e invece è esposto a tutti gli agenti atmosferici”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*