Vallo di Nera, un laboratorio musicale per la rinascita della Valnerina

Vallo di Nera, un laboratorio musicale per la rinascita della Valnerina

Vallo di Nera, un laboratorio musicale per la rinascita della Valnerina Ha preso il via a Vallo di Nera  un laboratorio dedicato ai giovani, che attraverso la musica provano a suonare la rinascita della Valnerina colpita dal terremoto. Il progetto è una delle declinazioni del ‘Remix’ di cui è capofila la Provincia di Perugia in collaborazione con Anci nazionale, che si avvale dei fondi messi a disposizione lo scorso anno  dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento gioventù e servizio civile.

Il titolo dell’officina culturale, la cui proposta è stata ideata e presentata dal Comune di Vallo di Nera unitamente all’Associazione GMP Gaia, è un impegno preciso: Saràbanda. Infatti, l’obiettivo del laboratorio, che è frequentato da venti giovani e da qualche uditore appassionato, è quello di costituire un piccolo corpo bandistico e di aggregare, così, i ragazzi attraverso il linguaggio universale della musica.

Le lezioni si tengono nei locali della Scuola Media di ponte Borbonea di Vallo e si protrarranno per qualche mese, con cadenza di due incontri a settimana. A insegnare la musica sono i professori Luca Panìco e Vittorio Altavilla, uno responsabile della classe dei ‘legni’, cioè gli strumenti a fiato come flauto, clarinetto, sax e l’altro responsabile degli ‘ottoni’, trombe, corni, tromboni e tuba. Anche gli strumenti sono stati messi a disposizione gratuitamente dal progetto.

Superato l’apprendimento delle nozioni di base, si procederà con un’unica classe d’insieme. Al termine del corso di formazione è prevista un’esibizione in collaborazione con gli altri laboratori avviati contemporaneamente a Spoleto e  in altri Comuni della Valnerina: Norcia, Cascia, Monteleone di Spoleto, Sant’Anatolia e Scheggino.

“Remix  è un’iniziativa importante per la nostra terra – ha affermato il sindaco di Vallo di Nera – perché rivitalizza le competenze, offre un servizio, contribuisce a tenere insieme i giovani, sostenendo un’occasione di crescita culturale e di buon impiego del tempo libero”.

 

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*