Onorevole Bocci, Pasqua e Pasquetta tra le zone terremotate

Pasqua Campi, Pasquetta a San Pellegrino


Scrivi in redazione

Onorevole Bocci, Pasqua e Pasquetta tra le zone terremotate

NORCIA – Pasqua e Pasquetta nelle zone del terremoto per il Sottosegretario all’ Interno Gianpiero Bocci.

A dire la verita’ anche in occasione del venerdi Santo il Sottosegretario si e’ recato a Norcia , partecipando alla processione lungo le mura nursine.

Il giorno di Pasqua, invece, l’ on.Bocci ha partecipato a Campi, proprio di fronte alla Chiesa di San Salvatore completamente distrutta , alla messa celebrata dal Vescovo di Spoleto mons. Renato Boccardo insieme al parroco don Luciano.

Una celebrazione partecipata e commovente con la popolazione di Campi, Ancarano e Preci impegnata ad allestire l ‘ altare oltre ad un coro messo in piedi dai giovani del posto. Al termine della messa pasquale il sottosegretario Bocci si e’ intrattenuto con i terremotati , insieme al Vescovo Boccardo.

Oggi, giorno di Pasquetta, Gianpiero Bocci in compagnia dell’ assessore regionale Luca Barberini si e’ recato prima a Norcia e poi a San Pellegrino.

In quest’ultima località si è confrontato con i residenti, si è parlato di ricostruzione a cominciare dalle preoccupazioni per il futuro delle zone terremotate. Poi ha fatto visita alle famiglie che abitano, da qualche settimana, nelle 18 casette di legno consegnate dalle autorita’ locali.

Commovente è stato l’ abbraccio con due famiglie di anziani che hanno perso le proprie figlie. Una donna, di poco sopra i 40 anni , morta all’ improvviso il 19 agosto scorso, pochissimi giorni prima del terremoto che ha distrutto San Pellegrino.

L’ altra ha visto venire meno un ragazza di 30 anni , morta dopo tre anni di una terribile malattia.  Due famiglie in la con gli anni,  distrutte dal dolore della perdita delle loro figlie, oggi senza piu’ la loro casa.

Vivono nelle casette di legno allestite nelle settimane scorse ma la lori vita si e’ fermata ancora prima del sisma di agosto e ottobre scorso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*