Norcia, riconvocato il consiglio comunale giovedì 31 dicembre

Norcia, riconvocato il consiglio comunale giovedì 31 dicembre

E’ stato riconvocato per giovedì 31 dicembre, con procedura d’urgenza, il Consiglio comunale previsto inizialmente per la mattina del 30, per un ritardo nell’invio degli atti ai Consiglieri comunali, previsto da regolamento 48 ore prima della convocazione dell’assise.

“Fermo restando la legittima richiesta di rinvio del Consiglio Comunale avanzata dal gruppo di minoranza Noi per Norcia, avendo avuto anche noi contezza di questo ritardo, abbiamo accolto queste osservazioni votando all’unanimità il rinvio di 24 ore dell’ assise” dichiara il Presidente del Consiglio Comunale Pietro Luigi Altavilla.

“Non possiamo esimerci tuttavia dallo stigmatizzare la totale mancanza di senso di responsabilità del Gruppo di opposizione, che facendo notare tale mancanza, poteva autorizzare comunque la trattazione degli argomenti, consegnati ai consiglieri comunali 42 ore prima del Consiglio rispetto alle 48 ore previste dal regolamento” ha detto il Sindaco Nicola Alemanno.

LEGGI ANCHE – Ricostruzione Basilica di San Benedetto, Alemanno, rivederla è grande emozione

“Il parere del Revisore dei Conti sulle variazione di bilancio è giunto prima dell’inizio della seduta, senza osservazione alcuna. Nessuno vuole calpestare la legittima prerogativa dell’opposizione, ci mancherebbe – prosegue Alemanno – ma anche l’opposizione è Amministrazione e dovrebbe sentirsi comunque responsabile delle sorti della nostra Comunità.

Può capitare purtroppo in queste giornate particolari di incorrere in questi disguidi che non avrebbero assolutamente inficiato la discussione tanto che le norme prevedono, come puntualmente è avvenuto, la possibilità di riconvocare il Consiglio d’urgenza per il giorno successivo.

Dobbiamo pertanto rilevare, purtroppo ancora una volta – continua – la totale mancanza di contenuti e di apporto positivo alla discussione per la nostra Comunità.

Tutte le ragioni di Noi per Norcia sotto il profilo formale, nessuna sotto quello sostanziale. Anche questa è burocrazia, di cui certamente non se ne avverte proprio il bisogno” ha concluso il primo cittadino.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*