Commissario Legnini a Norcia: “Subito la ricostruzione leggera”

 
Chiama o scrivi in redazione


Commissario Legnini a Norcia: “Subito la ricostruzione leggera”

Visita del Commissario straordinario per la ricostruzione a Norcia, Avv. Giovanni Legnini. Il Sindaco Nicola Alemanno dopo averlo accolto, ha accompagnato il Commissario nella visita alla città e poi è stato un fatto il punto della situazione in merito ad alcune situazioni, in particolare opere pubbliche, polo scolastico, ospedale, smaltimento macerie, ricostruzione privata.

“Abbiamo sottoposto al Commissario alcuni temi come la governance, la semplificazione della ricostruzione pubblica e privata, il sostegno a famiglie e imprese” ha detto il Sindaco Alemanno che, ha chiesto deroghe per quanto riguarda il codice degli appalti. “Se seguissimo il crono programma previsto per il polo scolastico, ad esempio, i lavori inizierebbero nel 2023 e questo non è più accettabile. Il Commissario se ne è reso conto e inizierà a lavorare alle deroghe. Il Commissario dovrà verificare se tutti gli spazi concessi dalle norme – ha proseguito – siano stati percorsi, ma sappiamo che così non è, e poi verificare, laddove possibile, di intervenire su norme primarie per spiegare gli aspetti che non hanno trovato ancora definizione. Sappiamo che ikl percorso non sarà semplice e facile perché le attese e le aspettative sono alte – ha detto Alemanno -. L’auspicio è che si possa ritrovare in Lei quell’elemento di sintesi con il quale confrontarsi e far giungere quindi le nostre richieste sul tavolo della Presidenza del Consiglio”.

Il Commissario Legnini, insieme al nuovo direttore per il Governo del territorio, Ambiente, Protezione civile della Regione Umbria, Ing. Stefano Nodessi e l’Arch. Filippo Battoni, ha incontrato i Sindaci del cratere umbro del sisma.

“Sono venuto qui ad ascoltare e ad acquisire la consapevolezza dei ritardi. Solo attraverso un dialogo costante con i Sindaci si può migliorare ed è fondamentale interfacciarsi con i direttori degli Uffici Speciali per la Ricostruzione” ha detto Legnini. A proposito delle cinque ordinanze ‘ritirate’ in conseguenza dei rilievi della Corte dei Conti, emanate il 14 febbraio quando è avvenuta la nomina dello stesso Commissario, Legnini ha specificato che “le nuove ordinanze saranno molto più incisive nell’ottica della semplificazione e accelerazione della ricostruzione privata. Per quella pubblica invece si attendono specifiche risposte normative. Per dare una svolta netta al processo di ricostruzione – prosegue – occorre individuare delle priorità, tra queste senza dubbio, la ricostruzione leggera che deve partire subito con il maggior numero di cantieri possibili”. Sul ruolo del Commissario poi precisa che “è dotato di poteri straordinari e tutto ciò che si può fare, si deve fare. Non si tratta di stabilire quanto duri il commissario ma tra quanto si supera emergenza e si possa entrare in una fase stabile” ha concluso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*