Cascia, attendendo le celebrazioni Ritiane 2018, il 21 e del 22 maggio

Cascia, attendendo le celebrazioni Ritiane 2018, il 21 e del 22 maggio

da Claudia Maria Travicelli
CASCIA – La Festa di Cascia del 21 e del 22 maggio, i festeggiamenti religiosi e civili comportano come potrete immaginare un grande lavoro e un forte impegno da parte di tutti. Per questo abbiamo pensato di far visita alle autorità religiose e civili della città, nello specifico Padre Bernardino Pinciaroli Rettore del Santuario, il Sindaco Mario De Carolis e l’Assessore Monica Del Piano (politiche sociali, istruzione, bilancio e comunicazione).

Il Sindaco ha voluto ricordare sin da subito il gemellaggio avvenuto dal 25 al 29 aprile con la città di Kosice, che è stato possibile grazie alla comunità Agostiniana. L’8 maggio di quest’anno a Kosice è stata inaugurata una chiesa dedicata a Santa Rita. Il Sindaco e l’Assessore hanno auspicato che al più presto possano tornare nella città di Cascia i pellegrini e il turismo del 2015, quando si ebbero numeri importanti. Nel 2017 si hanno avute il 40% delle presenze del 2015, oltre la sofferenza dovuta dalla crisi, i due
amministratori ci ricordano che si attende la riapertura della galleria di Forche Canapine è un miglioramento viario.

In conclusione il Sindaco e l’Assessore hanno voluto ricordare l’importanza della Fiaccola della Pace e del Perdono, che quest’anno arriverà ad Orvieto da Kosice e farà tappa a Todi e Collevalenza, la staffetta Podistica composta da atleti del CONI Umbria toccherà i Comuni di Giano dell’Umbria, Massa Martana e Montefalco per poi giungere a Roccaporena alle ore 19,30 del 21 Maggio.

LEGGI ANCHE: Festa di Santa Rita, grandi celebrazioni, dal 20 al 22 maggio

Per la prima volta per tale evento verrà fatto un corteo che partirà il 21 maggio alle ore 20,45 da Piazza Garibaldi è salirà in preghiera in ricordo della notte del 21 maggio 1457, quando i cittadini seppero della morte di Santa Rita. Dopo aver incontrato il Sindaco Mario De Carolis, in compagnia dell’Assessore Monica Del Piano siamo andati ad incontrare Padre Bernardino Pinciaroli Rettore del Santuario, indaffaratissimo, ma molto disponibile.

Terminata la Novena di Santa Rita alla presenza di tutte le Parrocchie di Spoleto, Montefalco, Beroide, Cantalupo, Bevagna, Cesi, Portaria, Padre Bernardino ci ha donato i suoi pensieri, ha iniziato con il dirci che la Festa di Santa Rita necessita di una grande preparazione, il tutto inizia da 15 giovedì prima del 22 maggio, in ricordo dei 15 anni in cui la Santa di Cascia ha portato sulla fronte le stigmate.

Cascia dunque una grande preparazione, inoltre a partire dal 12 maggio fino al 20 si svolgerà “la Novena di Santa Rita”, 9 giorni intensi di particolare preparazione : particolare perché vengono coinvolte tutte le parrocchie vicine fino ad arrivare a Spoleto e Bevagna, Padre Bernardino sorridente aggiunge “festa e un po’ di Casciara”, i parrocchiani arrivano a Santa Rita in questi 9 giorni anche perché possono entrare nella cappella ed avvicinarsi all’urna della Santa delle Cause Impossibili, cosa che durante l’anno avviene solo in questi giorni è l’ultimo giovedì del mese, dopo la messa delle 18.

Due altri momenti particolari – aggiunge Padre Bernardino – denotano la preparazione ai festeggiamenti, il primo si riferisce alla prima domenica di maggio e la seconda alla domenica più vicina al 22 maggio. La prima domenica di maggio, a Cascia arrivano tutte quelli coppie che desiderano festeggiare il loro anniversario di matrimonio.

A tal proposito Padre Bernardino ci ricorda l’importanza che Santa Rita venga sempre più invocata, dalle famiglie per le famiglie. La celebrazione della domenica che precede la festa di Santa Rita è la processione dello stendardo, per i casciani è un momento molto particolare, in questo modo desiderano ringraziare il Signore Dio e Santa Rita perché sono stati preservati dalla morte del grande terremoto del 1730.

Quest’anno tale processione è stata anticipata ed ha avuto luogo domenica 13 maggio, grande è stata la partecipazione dei casciani e il coinvolgimento di tutte le frazioni. Grande attenzione si sta dando alla comunicazione e agli inviti, molta è la fatica dei collaboratori affinché si possa vivere bene il 21 e il 22 maggio.

Domando a Padre Bernardino cosa si aspetta dal 21 maggio sera, mi risponde che accoglieranno in Piazza Garibaldi la fiaccola della Pace e del Perdono, che è stata accesa a Kosice, città della Slovacchia orientale che si trova vicino al confine con la Polonia, poi insieme agli abitanti della Valnerina saliranno al Santuario per salutare i cittadini di Kosice, rendere omaggio alla Santa che si trova all’intero della Basilica e ricordare quel 21 maggio 1457 e i casciani che salirono nel monastero delle suore Agostiniane per dare l’ultimo saluto alla Sorella Rita, che era tornata al cielo.

Mi aspetto che tutti i casciani – aggiunge Padre Bernardino – interrompendo le loro attività vengano a dare lode a questa loro giusta Sorella. Nel salutarci e invitandoci alle Celebrazioni Ritiane Padre Bernardino tiene a formulare a tutti un augurio speciale, quest’anno porti a tutti la gioia di avere in Santa Rita un punto di riferimento, sia una ripresa di speranza e di gioia nella Fede ed in modo particolare regni la capacità di condividere con gli altri il bene, non si rimanga chiusi in se stessi, ma ognuno di noi apra il suo cuore servendo gli altri, solo così potremmo dare valore al motto evangelico “Vi è più gioia nel dare che nel ricevere”.

PROGRAMMA:

19 MAGGIO

Orvieto – Arrivo della Fiaccola della Pace e del Perdono proveniente da Kosice che farà poi tappa a Todi e Collevalenza

20 MAGGIO

Collevalenza – Partenza della staffetta podistica della Fiaccola della Pace e del Perdono portata da atleti del CONI Umbria che toccherà i Comuni di Giano dell’Umbria, Massa Martana e Montefalco

Ore 21.00 – Sala della Pace del Santuario di Cascia

“Riconoscimento Internazionale S. Rita da Cascia”. Presentazione e testimonianze delle donne prescelte con la giornalista televisiva di Tv2000 Lucia Ascione

21 MAGGIO

Montefalco – Partenza per Cascia della staffetta podistica della Fiaccola della Pace e del Perdono portata da atleti del CONI Umbria che transiterà nei Comuni di Sant’Anatolia  di Narco, Poggiodomo, Monteleone di Spoleto e Leonessa

Ore 11.00 – Roseto di Cascia – Messa a dimora delle rose da parte di autorità civili, religiose e delle donne premiate con il “Riconoscimento Internazionale S. Rita da Cascia”

Ore 16.30 – Basilica di Santa Rita – Concelebrazione eucaristica degli agostiniani e messaggio del padre generale dell’ordine P. Alejandro Moral Anton.

Ore 17.30 – Consegna del “Riconoscimento Internazionale S. Rita da Cascia” alle donne che hanno imitato le virtù di Santa Rita.

Ore 18.00 – Solenne celebrazione del Transito di Santa Rita, presieduto da Monsignor Luigi Piccioli.

Ore 19.30 – Roccaporena – Arrivo della Fiaccola della Pace e del Perdono accesa a Kosice e scortata dai motociclisti umbri. Accensione del Tripode. Benedizione dei motociclisti.

Ore 20.00 – Cascia e colline circostanti – Tradizionale luminaria, accensione di decine di migliaia di fiaccole.

Ore 20.45 – Piazza Garibaldi – Partenza del Corteo dei Gonfaloni e dei Sindaci della Valnerina e Comuni limitrofi . Sfilata sino alla Basilica insieme al corteo processionale del popolo con fiaccole in ricordo della notte del 21 maggio 1457. Accompagneranno i Tamburini di Cascia e la Banda Giovanni e Donato da Cascia.

Ore 21.25 – Sagrato della Basilica di Santa Rita – Arrivo delle autorità di Kosice

Ore 21.30 – Arrivo della Fiaccola della Pace e del Perdono portata da una staffetta di atleti e scortata dai motociclisti provenienti da tutta l’Umbria. Accensione del Tripode Votivo.

22 MAGGIO

Ore 5.00 – Suono festoso di tutte le campane e inizio sante messe

Ore 10.30 – Sagrato della Basilica – Arrivo della processione proveniente da Roccaporena alla quale si è unito il Corteo Storico di Santa Rita, con i tradizionali costumi quattrocenteschi, che rievoca  episodi della vita di Santa Rita

Ore 11.00 – Sagrato della Basilica – Supplica a Santa Rita e Solenne Pontificale. Presiede S. E. Cardinale Angelo Amato, Prefetto della Congregazione Causa dei Santi, concelebrano i Vescovi Monsignor Renato Boccardo, Monsignor Marcello Bartolucci e Monsignor Giovanni Scanavino. Benedizione delle Rose sul piazzale antistante la Basilica.

Ore 18.00 – Celebrazione eucaristica per i benefattori del Santuario. Celebra il Padre Rettore Bernardino Pinciaroli.

Ore 18.15 – Piazza Garibaldi – Concerto della Banda musicale “Giovanni e Donato da Cascia”, diretta dal Maestro Francesco Montani

Ore 21.00 – Piazzale San Francesco – Spettacolo musicale con “I Ragazzi di Bandiera Gialla”

Ore 23.30 – Grande spettacolo di Fontane Danzanti

Questo slideshow richiede JavaScript.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*