Potenziare Mattatoio di Cascia, allevatori costretti a fare 200 chilometri

 
Chiama o scrivi in redazione


Potenziare Mattatoio di Cascia, allevatori costretti a fare 200 chilometri

Potenziare Mattatoio di Cascia, allevatori costretti a fare 200 chilometri

“È inaccettabile che gli allevatori della Valnerina siano costretti a percorrere oltre duecento chilometri per portare a macellare i capi, talvolta fuori regione. Per questo è necessario che il mattatoio di Cascia venga potenziato”.

Così il consigliere regionale della Lega Valerio Mancini (Presidente della Seconda Commissione Consiliare) che fa sapere di aver “affrontato anche la centrale questione del mattatoio della Valnerina tra i tanti argomenti toccati nel corso dell’incontro, che si è tenuto nei giorni scorsi, con il Commissario straordinario della Usl Umbria2, Massimo De Fino, e il Direttore del Dipartimento di Prevenzione della Usl Umbria 2, Danilo Serva”.

“In sintonia con il Sindaco di Cascia, Mario De Carolis – spiega Mancini – abbiamo rappresentato al Commissario De Fino la necessità di ampliare l’attuale struttura con un manufatto adiacente, che consenta la macellazione di diverse specie animali. Tale struttura aiuterebbe tutti gli allevatori della zona, produrrebbe una valorizzazione del brand Valnerina, oltre a rappresentare un incentivo per i giovani e per gli allevatori, che potrebbero creare nuove aziende o aumentare i capi di bestiame”.

“Nel corso dell’incontro – prosegue Mancini -, a cui ha partecipato una delegazione di allevatori e agricoltori della Valnerina, sono intervenuti anche Daniela Benedetti di Coldiretti Umbria e Paolo Maiolini di Confagricoltura Umbria, per ribadire la necessità di attivare al più presto tutte le funzionalità del mattatoio al fine di garantire una ripartenza concreta delle attività zootecniche del territorio.

I prodotti della Valnerina, anche grazie ai puntuali controlli effettuati dai medici veterinari della Usl nelle aziende, sono una garanzia per i consumatori, nonché un’eccellenza umbra che rappresenta un volano economico irrinunciabile per la regione. Pertanto – conclude Mancini – è prioritario attivare ogni misura al fine di promuovere lo sviluppo di questo territorio”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*