Sisma 2016, danno indiretto, pubblicato elenco delle aziende

Sisma 2016, danno indiretto, pubblicato elenco delle aziende

Sisma 2016, danno indiretto, pubblicato elenco delle aziende. Sono stati pubblicati gli elenchi provvisori delle domande ammissibili, ammissibili con riserva e non ammissibili al 23 luglio 2018, relative al cosiddetto contributo per il danno indiretto provocato dal terremoto del Centro Italia del 2016. Sono quasi 4,5 milioni di euro per 433 imprenditori, con sede sia all’interno del cratere del sisma che fuori. A tanto ammonta l’ammissione provvisoria al contributo per il danno indiretto. Poi ci sono in bilico altri 110 imprenditori umbri che hanno presentato domanda e sono stati ammessi con riserva in attesa che integrino la pratica. Circa 50 sono gli esclusi.

L’elenco è provvisorio ed è stato pubblicato nel sito internet sisma Umbria 2016

Aziende con sede dentro il cratere: 250 quelle aziende che potranno godere del ricostituente pubblico che, complessivamente, tra Spoleto e la Valnerina vale 2.540.451,32. Il contributo medio è di circa 10 mila euro. Cinque aziende incasseranno meno di mille euro e 14 che riceveranno il massimo erogabile tra 40mila e 50mila euro.

115 imprese sono di Norcia, 69 di Cascia, 52 di Spoleto, 6 di Monteleone di Spoleto e 5 di Preci, mentre le restanti si trovano negli altri borghi della Valnerina. 55 aziende dell’area devono integrare la documentazione. 55 aziende dell’area devono integrare la documentazione.

Ma a godere dell’aiuto pubblico anche le aziende fuori dal cratere. Si tratta di 183 richieste per un valore complessivo di 1.908.578 euro. Anche qui 19 aziende incaseranno sui 10 mila euro, mentre una dozzina attendono di incassare tra 40 mila e 50 mila euro. Ad Assisi, sono 57 gli imprenditori destinati a ricevere il contributo, poi Foligno con 23 aziende, Gubbio con 18, Todi con 14, Perugia con 13 e le restanti suddivise tra imprese con sede che vanno da Campello sul Clitunno a Passignano sul Trasimeno. Anche qui 55 aziende saranno in bilico, ossia ammesse ma in attesa di integrazioni documentali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*