Protesta agricoltori Castelluccio, il comune, o così o non seminate

Gli agricoltori propongono tre soluzioni: la galleria, la provinciale 477 o quella da Campi

Protesta agricoltori Castelluccio, il comune, o così o non seminate

Protesta agricoltori Castelluccio, il comune, o così o non seminate NORCIA – Non c’è pace per gli agricoltori di Castelluccio. Ancora un’altra protesta e se non si trova una soluzione nel breve tempo possibile hanno detto che continueranno ad oltranza. Ma quanti disagi sono costretti a sopportare per arrivare a Castelluccio, per la tanto attesa semina? I coltivatori ieri mattina con i loro trattori hanno manifestato pacificamente ma con fermezza. La galleria è aperta tutti i giorni, ma se non gli sarà consentito il transito in una fascia oraria al mattino e in una al pomeriggio – avvertono – non saliranno a Castelluccio.

“Il risultato – ha spiegato a nome dei diretti interessati Gianni Coccia – è che dovremmo fare il giro dell’orto e passare per Pretare, il che significa percorrere 90 chilometri all’andata e altrettanti al ritorno e, di fatto, condannarci a passare più  tempo in strada che al lavoro”. Ieri a Norcia è presente anche l’assessore regionale alle politiche agricole, Fernanda Cecchini. Ma è muro contro muro col Comune.

Il sindaco Nicola Alemanno avrebbe detto: “Questa è l’unica soluzione attuabile, se non va bene vuol dire che non si semina”. Parole che non sono piaciute agli agricoltori.

L’assessore Cecchini ribadisce che qualsiasi decisione va presa tenendo conto della sicurezza e senza dimenticare che il terremoto ha spaccato la montagna. La soluzione che sembrava aver messo d’accordo tutti era di concedere una deroga nel far passare la colonna dei trattori sotto la galleria di Forca Canapine, ma quella deroga è stata concessa solo per trasportare i mezzi e i materiali per la semina. Gli agricoltori – come già detto – hanno la necessità di passare dalla galleria almeno due volte al giorno. La semina è un lavoro che richiede almeno due mesi. Ma i problemi non finiscono qui, c’è anche quello degli allevamenti. In questo periodo gli animali partoriscono e hanno bisogno di maggiore assistenza. Domattina, molto probabilmente, si sarà un tavolo tecnico. Gli agricoltori propongono tre soluzioni: la galleria, la provinciale 477  o quella da Campi.

“Ricostruzione per le aziende agricole e zootecniche” è il tema degli incontri pubblici che si terranno domani, mercoledì 29 marzo, con gli agricoltori e gli allevatori a Norcia e Cascia. Saranno presenti Fernanda Cecchini –  assessore regionale alle politiche agricole, Ciro Becchetti – direttore all’agricoltura della Regione Umbria e Alfiero Moretti – dirigente ufficio speciale per la ricostruzione della Regione Umbria. Si comincerà alle ore 11.00 presso  la tensostruttura dello stadio comunale Europa di Norcia. Gli incontri proseguiranno nel pomeriggio, dalle ore 15.30, presso la tensostruttura di piazza Dante, a Cascia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
20 × 15 =