La mossa azzardata di Alemanno contro il legittimo presidente dell’APSP Domenico Coccia

 
Chiama o scrivi in redazione


Opportunità della legge di stabilità per il 2016, incontro a Norcia
Opportunità della legge di stabilità per il 2016, incontro a Norcia

La recente nota della Regione dell’Umbria (fine aprile 2015) sulla questione Comune di Norcia – APSP così recita: “esaminata la documentazione acquisita … si ritiene, per quanto di competenza ed allo stato attuale, di non procedere alla nomina di un commissario ad acta” … “ tutto ciò premesso e considerato, si comunica …., il non luogo a procedere …”

© Protetto da Copyright DMCA

Allo stato dei fatti mi sento obbligato, nella mia qualità di Consigliere Comunale, a ripercorrere i momenti salienti della vicenda: – la Giunta di Norcia (con atto n. 95 del 25.07.15) affida al legale di fiducia, esperto in materia, Luisa Di Curzio, il compito di verificare in capo a chi possa essere riconosciuta l’Autorità tutoria al fine di porre in essere iniziative legali nei confronti dell’Azienda di Servizi Pubblici alla Persona Fusconi – Lombrici – Renzi, per ripristinare una nuova. amministrazione.

Lo stesso giorno, l’incaricata Di Curzio esprime il suo parere legale nel quale afferma che “… non si rinvengono ipotesi in cui l’Amministrazione Comunale possa intervenire su un IPAB ” e che “… sul potere del Sindaco si è ormai consolidata una certa giurisprudenza (Consiglio di Stato n. 669\2009) dove si è affermato che le nomine del Sindaco non avvengono in virtù del Testo Unico degli Enti Locali e quindi questi non ha alcun potere di revoca e da ciò ne deriva che non ha neanche un potere tutorio ” Parere chiaro e preciso ma evidentemente inutile ed inutilmente costoso per i cittadini dato che il Sindaco Alemanno ha poi deciso di non avvalersene.

Ne deriveranno poi atti, non certamente ispirati al rispetto del parere legale acquisito, che hanno necessitato di ulteriori azioni legali, generando migliaia di euro di costi per la collettività, alla luce della lettera ricevuta dal Sindaco e dagli altri attori della vicenda APSP, tutto ciò si poteva evitare o lasciando il Presidente Coccia legittimamente al suo posto come oggi ribadisce la Regione dell’Umbria, unico Ente titolato all’autorità tutoria della APSP Fusconi- Lombrici -Renzi, oppure si poteva come da me suggerito lavorare al fine di ottenere lo stesso risultato, se opportuno, con atti volti al raggiungimento del bene dell’Ente e non contro un singolo amministratore.

Il Sindaco, noncurante di quanto affermato dal suo legale, chiede alla Regione dell’ Umbria il commissariamento dell’Azienda per gravi irregolarità. La Regione si esprime invocando il rispetto del contradditorio delle parti interessate riservandosi di effettuare le valutazioni che saranno poi comunicate agli Enti stessi.

Il Sindaco invece poi commette tre mosse azzardate, tentando di raggiungere il suo fine: non rispetta il parere del proprio legale, non rispetta la legittimità dell’iter amministrativo e non rispetta le indicazioni della Regione. Emette così l’ordinanza n. 34 del 15.09.14 con la quale dichiara decaduto il Presidente, l’ordinanza 36 del 22.09.2014 con la quale nomina il nuovo presidente e “dulcis in fundo” l’ordinanza n. 38 del 03.10.2014 con la quale ordina l’immediato insediamento del nuovo Presidente, nomina ancor oggi priva della determina della Regione, ed oggi sappiamo il perché, perché la stessa Regione dopo mesi di indagini e di acquisizione di atti da parte dell’APSP, non ha rilevato motivi per sostituire o sospendere il Presidente Coccia.

Chiedo agli organi di vigilanza preposti di alzare il livello di attenzione sulla Amministrazione del Comune di Norcia e che venga fatta rispettare la legge in questa Città.

Città dove ormai si negano anche gli atti pubblici ai Consiglieri Comunali come me, tanto è vero che a richiesta semplice di accesso agli atti, per spiegarmi e spiegare ai cittadini le dimissioni del ex Vice Sindaco Sensi, dopo oltre 30 giorni, e solleciti al Segretario Comunale De Cesare Vincenzo, non ho ancora ricevuto parte della documentazione richiesta.

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [872.86 KB]

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*