Ospedale di Norcia, sopralluogo dei progettisti incaricati dalla Regione

 
Chiama o scrivi in redazione


Ospedale di Norcia, sopralluogo dei progettisti incaricati dalla Regione per la ricostruzione

Primo sopralluogo con i progettisti incaricati dalla Regione dell’ Umbria, nelle more della definizione e degli atti amministrativi per l’affidamento e la sottoscrizione del relativo contratto per la progettazione dell’ Ospedale di Norcia. Presenti il Sindaco Nicola Alemanno e gli Assessori Giuliano Boccanera e Giuseppina Perla, l’Ing Paolo Gattini e l’ Ing. Patrizia Macaluso della Regione Umbria dell’ assessorato alle Opere Pubbliche e ai Trasporti oltre, ovviamente, ai professionisti incaricati.

© Protetto da Copyright DMCA

“La ricostruzione del nostro ospedale si fa finalmente sempre più concreta. Con pazienza e determinazione abbiamo lavorato insieme agli Enti sovraordinati e ad oggi possiamo contare su ‘step’ chiari e definiti nel tempo, che dovrebbero portare al compimento di questa importante opera per la città e per i nostri concittadini” dice il Sindaco di Norcia Nicola Alemanno.

Il cronoprogramma degli interventi si svilupperà nell’arco temporale di 2 anni: la fine dei lavori è prevista a maggio 2023.

“Dopo gli eventi sismici del 2016 siamo riusciti a mantenere, seppur con fatica, i servizi di primo soccorso e ambulatoriali. Oggi la pandemia ha fatto emergere con forza quanto è importante e necessaria la presenza di ospedali di territorio ed è divenuto ormai improcrastinabile. La scorsa settimana – prosegue Alemanno – ho avuto anche modo di interloquire con la Regione Umbria rispetto alle linee strategiche per il prossimo Piano Sanitario Regionale. Il cittadino della nostra Valnerina ed i suoi bisogni saranno quindi al centro delle prossime discussioni sulle nuove esigenze di integrazione dei servizi per avvicinamento al territorio. Il mio auspicio è di avere finalmente nella nostra regione una rete ospedaliera organizzata per servizi e non per territorio” conclude il Sindaco di Norcia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*