Cinemadamare premio miglior film a “Mimo” regista messicana Cassese

 
Chiama o scrivi in redazione


Cinemadamare premio miglior film a “Mimo” regista messicana Cassese

Il premio come miglior film della tappa a Monteleone di Spoleto di Cinemadamare 2020 va all’opera Mimo della regista messicana Giovanna Cassese. Si è così conclusa, a Monteleone di Spoleto, l’ultima serata di attività della Carovana del Campus Itinerante che per la prima volta ha scelto la città come unica tappa umbra di Cinemadamare 2020 sostenuta dalla Regione Umbria, all’interno di un periodo di 11 settimane in cui si toccheranno 7 regioni italiane. Si è trattato di un periodo di produzione particolarmente intenso con un risultato finale del tutto eccezionale: 13 short film prodotti dai filmmaker italiani e stranieri, a cui si aggiungono 15 clip promozionali di questo territorio, caratterizzato dai suoi tre punti cardine, “carro, ferro e farro” come ha ricordato il Sindaco Marisa Angelini.

  Ecco i nomi e le nazionalità dei registi che hanno firmato le varie opere: Isadora Lima dal Brasile, Giovanna Cassese dal Messico, Anabella Funk dagli Stati Uniti, Cary Crankson dal Regno Unito e Valeria Recman dalla Repubblica Ceca e dall’Italia: Alessandro Panzolli, Giorgio Paoletti, Sade Patti, Riccardo Romano, Marzio Valdambrini, Federico Mattioni, Milena Grigolo e Luca De Benedetti.

   “La qualità dei film che abbiamo visto ci rende orgogliosi di aver ospitato Cinemadamare – ha detto il Sindaco di Monteleone Marisa Angelini. La settimana ha sancito un legame di profonda sinergia che si è sviluppato tra la nostra comunità e i giovani filmmaker che hanno vissuto con noi in questi giorni”.

“Su queste premesse – ha concluso il Sindaco- sono sicura che il rapporto tra Cinemadamare e Monteleone di Spoleto sia già diventato incisivo e fruttuoso e i Monteleonesi hanno avvertito la grande energia vitale portata dai ragazzi tra le vie del nostro Borgo, e non vediamo l’ora di replicare nel 2021”.

   “Monteleone di Spoleto, con la sua architettura gotica e il suo fascino senza tempo – spiega l’elvetica Maura Oricchio – ci lascia dentro un senso di inquietudine e mistero, ma anche tanta bellezza, è per questo che Monteleone è un set ideale per ambientare tante storie incantevoli”.

  Parole di soddisfazione per l’ottimo risultato della settimana di produzione anche da parte del Direttore di Cinemadamare Franco Rina: “dopo aver visto la qualità dei lavori dei nostri filmmaker, e dopo aver registrato l’entusiasmo della piazza posso certamente affermare che l’incontro tra la nostra kermesse e la comunità di Monteleone ha già raggiunto uno strato profondo di conoscenza e di collaborazione. Ci siamo concentrati sulla formazione e sulla produzione di film in digitale, senza pensare a creare passerelle glamour per attirare nomi da riviste patinate, e questo ci ripaga vista la qualità del lavoro dei nostri cineasti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*