Ricostruzione Castelluccio, Conferenza permanente, ok a piano attuativo

Poste le basi e le coordinate progettuali della frazione

Ricostruzione Castelluccio, Conferenza permanente, ok a piano attuativo

Ricostruzione Castelluccio, Conferenza
permanente, ok a piano attuativo

La giornata del 30 dicembre è da considerarsi cruciale nel cammino di ricostruzione post sisma di Castelluccio di Norcia, in una fase di piena attività. La Conferenza permanente, infatti, indetta e convocata dal Commissario Legnini, in tale data ha espresso parere favorevole al Piano Attuativo di Castelluccio, di fatto ponendo le basi e le coordinate progettuali della frazione.


Il Presidente della Comunanza Agraria di Castelluccio Roberto Pasqua


Questa giornata, fra le ultime ma tra le più significative dell’anno, si colloca al termine di un’annata molto impegnativa, che ha visto una costante partecipazione di tutti gli attori coinvolti in stretta sinergia fra loro: anzitutto, nella redazione del Piano; poi, in tutta la fase partecipativa che ne è conseguita, comprensiva anche delle numerose riunioni tenute dai professionisti incaricati con tutti gli abitanti per spiegare il meccanismo messo in atto.

La ricostruzione di Castelluccio, infatti, oggetto di un’Ordinanza speciale del Commissario Legnini, vedrà anzitutto la realizzazione di due piattaforme antisismiche, una per ciascuna delle due parti in cui si articola l’abitato, per un totale di circa 6mila metri quadri, e l’installazione degli isolatori. Seguirà, poi, l’attività di ricostruzione del contesto urbano sovrastante.

Al tempo stesso, però, con l’approvazione di questo Piano, in relazione a una ventina di aggregati della frazione, che rientrano nella perimetrazione e che non sono interessati da opere pubbliche indirette né dalle piattaforme, i rispettivi soggetti legittimati possono subito presentare la progettazione dei propri edifici agli Enti competenti, i quali procederanno alla relativa istruttoria e autorizzazione permettendo l’inizio dei lavori di ricostruzione.

Come Presidente della Comunanza, il ringraziamento a nome della collettività a tutti coloro che si sono adoperati in tale impegnativa progettualità, a partire dal soggetto attuatore, il Comune di Norcia, nonché la struttura commissariale e il Commissario Legnini, la Regione Umbria, l’Ufficio Speciale per la Ricostruzione della Regione Umbria, l’Università degli Studi di Perugia, la Soprintendenza dell’Umbria, il Parco Nazionale dei Monti Sibillini e i professionisti incaricati della redazione del Piano Attuativo, che si sono impegnati appieno per trovare tutte le soluzioni possibili alle richieste avanzate dai cittadini al fine di addivenire ad un’approvazione del Piano condivisa da parte di tutta la frazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*