Terremoto, Raccordiamoci, carovana di auto sul Grande Raccordo Anulare

 
Chiama o scrivi in redazione


Terremoto, Raccordiamoci, carovana di auto sul Grande Raccordo Anulare

Terremoto, Raccordiamoci, carovana di auto sul Grande Raccordo Anulare

Era lunga 4 chilometri la carovana di auto sul Grande Raccordo Anulare per accerchiare Roma e chiedere ancora una volta di accelerare sulla ricostruzione nel Centro Italia. Tanti i cittadini hanno partecipato, tra loro anche i residenti di Norcia, oltre che Muccia e Accumoli. La manifestazione è stata organizzata dal Comitato Rinascita Norcia insieme ad altri del cratere. Auto addobbate con cartelli e striscioni, hanno viaggiato a velocità ridotta, scortate anche da due auto e un blindato delle forze dell’ordine.

“La protesta dei lenzuoli bianchi da noi ideata per rendere pubblico lo stato delle cose, ha contribuito ad unire e mobilitare i terremotati di tutto il cratere che, con questa manifestazione, vogliono richiamare l’attenzione delle istituzioni per sbloccare la ricostruzione e bloccare l’agonia dei territori del vero cratere”, ha scritto in un comunicato il comitato di Norcia.

E questa mattina, dopo l’iniziativa del 18 maggio a Roma, in tanti oggi hanno risposto in maniera forte, esponendo diversi striscioni, come si vede dalle foto.

“La protesta dei lenzuoli bianchi spiegano gli organizzatori è da noi ideata per rendere pubblico lo stato delle cose, ha contribuito ad unire e mobilitare i terremotati di tutto il cratere che, con questa manifestazione, vogliono richiamare l’attenzione delle istituzioni per sbloccare la ricostruzione e bloccare l’agonia dei territori del vero cratere”.

Il Comitato Rinascita Norcia aveva fatto appello alla partecipazione invitando tutti i cittadini e tutti gli italiani ad esporre un lenzuolo bianco con scritto “Ricostruzione”, in segno di solidarietà nei confronti delle oltre 300 vittime del terremoto e dei sopravvissuti senza più casa. Non si sono registrati particolari disagi ala circolazione e la manifestazione si è svolta pacificamente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*