Norcia, dai Monaci…la luce estesa di San Benedetto

La fiaccola viene accesa da 50 anni a Norcia per simboleggiare l’impegno dei grandi monaci missionari

Norcia, dai Monaci...la luce estesa di San Benedetto

Cari Amici,

Dopo l’ultimo aggiornamento, c’è molto da raccontare. Prima di tutto, in preparazione dell’arrivo della festa di San Benedetto, c’è stata l’accensione annuale della fiaccola benedettina. Per quelli che non lo sanno, la fiaccola viene accesa da 50 anni a Norcia per simboleggiare l’impegno dei grandi monaci missionari della storia che hanno contribuito a portare il cristianesimo nelle zone pagane dell’Europa. Assieme al forte messaggio della Croce di Cristo, i monaci avevano portato anche la conoscenza della cultura antica, l’amore per l’apprendimento e la convinzione che solo con l’aiuto di Dio l’uomo potesse portare la bellezza fuori dal caos del mondo romano ormai decaduto.

Quest’anno l’accensione della fiaccola è stata più emozionante del solito. I vigili del fuoco hanno costruito una scala di legno e una pedana sopra le rovine della Basilica per permettere alla delegazione della fiaccola di arrivare il più vicino possibile al luogo di nascita di S. Benedetto. In seguito, per commemorare il ruolo di S. Benedetto Patrono d’Europa, la fiaccola sarà portata a Bruxelles e presentata al Parlamento europeo, ricordando in questo modo che era stata proprio la sua regola a riportare ordine e unità nel continente.

A fine febbraio sono riuscito a soddisfare un desiderio che la nostra comunità aveva da molto tempo: andare in Asia. La prima tappa è stata l’Indonesia, dove ho incontrato la famiglia di un nostro monaco. Nei suoi 11 anni a Norcia, Don Ignazio ci ha più volte raccontato di quanto fosse ospitale la gente del suo paese. A Yogyakarta e a Jakarta gli indonesiani hanno confermato tutti i suoi racconti. La loro ammirazione per la vita monastica e il desiderio di farci sentire a casa erano palpabili. Il Nunzio Apostolico in Indonesia, l’Arcivescovo Antonio Guido Filipazzi, ci ha invitati a casa sua per condividere con lui la prima colazione e ci ha assicurato le sue preghiere per il nostro lavoro di ricostruzione.

Dopo l’Indonesia, io e Don Ignazio ci siamo spostati a nord, a Taiwan, in quello che si è rivelato un week-end di ispirazione carico di incoraggiamenti da parte degli abitanti di quella bellissima isola.

I fedeli lettori dei nostri aggiornamenti ricorderanno che uno dei primi dignitari a dare pubblico sostegno al monastero dopo il terremoto era stato l’ambasciatore Matthew Lee, venuto a Norcia per portarci un dono a nome del suo popolo per sostenere la ricostruzione. Pensate che solo pochi mesi prima la divina provvidenza aveva aiutato la nostra amata Birra Nursia a raggiungere le coste di Taiwan, per il tramite di Chalice, una società locale, ricevendo tra l’altro ottime recensioni. La nostra visita a Taiwan ci ha dato l’occasione di ringraziare le autorità civili per il loro dono, di incontrare i ristoratori che si sono innamorati della nostra birra e di far presenti le nostre necessità al paese.

Le telecamere ci hanno accolto al nostro arrivo all’aeroporto e la notizia della nostra presenza sull’isola si è diffusa rapidamente. Uomini e donne hanno fatto ore di macchina per venire a darci il benvenuto e portarci regali personali. Un’accoglienza che certo non ci aspettavamo, ma che ci spinge ad andare avanti con il nostro lavoro e a rafforzare i nostri legami con Taiwan e con altre zone dell’Asia, perché anche loro vedono la casa natale di San Benedetto come una luce di speranza per i nostri tempi.

In mezzo a questi momenti emozionanti, la vita monastica continua il suo corso regolare, ora pieno di preghiere, canti e letture che chiamano tutti noi ad essere più vigili in questo periodo di Quaresima. Uniamo i nostri sacrifici ai vostri in modo da poter arrivare insieme alla Pasqua con i cuori e le anime purificati, colmi della gioia di Cristo.

Padre Benedetto Nivakoff, O.S.B.
Priore

Per ogni aggiornamento o informazione su come dare una mano, potete visitare https://it.nursia.org/terremoto/

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
22 − 14 =