Confcommercio Valnerina, imprenditori pronti a ripartire, ma servono aiuti VIDEO

in Valnerina operano soprattutto imprese di carattere familiare

 
Chiama o scrivi in redazione


Confcommercio Valnerina, imprenditori pronti a ripartire, ma servono aiuti
SALUMI SALVATORI

Confcommercio Valnerina, imprenditori pronti a ripartire, ma servono aiuti NORCIA – Norcia, 7 novembre 2016- Anche se ancora “storditi” dal trauma del terremoto, che ha distrutto le loro attività e le loro case, gli imprenditori del commercio e del turismo della Valnerina sono pronti a ricominciare, a mettere in campo tutti i loro sforzi per soluzioni temporanee ma che consentano di riprendere almeno in parte la loro attività. Per farlo – chiede a gran voce il presidente di Confcommercio Valnerina Fabio Brandimarte – occorre però un aiuto concreto ed immediato da parte delle istituzioni. “Bisogna fare presto – sottolinea Brandimarte – perché anche se tanti sono decisi a ripartire, sono molti quelli che stanno mollando, o vogliono trasferirsi.

E noi non ci possiamo permettere di perdere neppure un imprenditore. Riavviare al più presto le imprese significa motivare la gente a rimanere a Norcia, a Preci, a Cascia e nelle altre aree terremotate, significa ricostruire prospettive e futuro.

Di questo abbiamo soprattutto bisogno, perché le imprese sono il motore di un territorio, e senza di esse lo spopolamento è inevitabile. Ma bisogna agire subito, quindi chiediamo un immediato tavolo di concertazione istituzionale per trovare soluzioni di rapida attivazione, e che nei provvedimenti del Governo si tenga adeguatamente conto non solo del sostegno ai lavoratori, ma anche agli imprenditori.


Umbria Journal TVIl Tg a portata di click

Tanto più in considerazione del fatto che in Valnerina operano soprattutto imprese di carattere familiare, che all’improvviso si trovano prive di qualunque fonte di reddito”. Brandimarte punta poi l’attenzione sul trauma terremoto. “Abbiamo bisogno di un forte supporto psicologico, tanta gente è ancora fortemente traumatizzata e ha bisogno di aiuto”.

Un aiuto che, in questa fase, consiste soprattutto in una azione di ascolto delle persone e delle loro diverse esigenze: la task force Confcommercio Umbria che ormai da giorni è stabilmente a Norcia e Cascia cerca di occuparsi anche di questo, dei bisogni della gente comune, oltre che degli imprenditori, lavorando in stretto contatto con l’amministrazione e coordinando le moltissime offerte di sostegno che stanno arrivando da tutto il mondo Confcommercio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*