Arredo urbano e una città sempre più ‘smart’ a Norcia

Arredo urbano e una città sempre più ‘smart’ a Norcia

Arredo urbano e una città sempre più ‘smart’ a Norcia

La Giunta comunale nella seduta di giovedì 9 gennaio, ha dato mandato agli uffici di predisporre i relativi atti per l’approvazione del Piano di Arredo Urbano, al fine di riavviare un processo di normalizzazione e riorganizzazione, funzionale del decoro e degli spazi pubblici e delle occupazioni di suolo pubblico della città. Sarà inoltre istituito un varco elettronico per il controllo degli accessi alle aree interdette al traffico del centro storico, da Corso Sertorio all’incrocio con Via Foscolo.

Nel momento in cui i servizi entreranno in vigore ne sarà data comunicazione.

Nei prossimi giorni saranno poi installati due totem touch screen per l’informazione diretta alla cittadinanza su eventi, manifestazioni e avvisi di pubblica utilità come gli ‘alert’ della Protezione Civile, nel solco del nuovo processo di informazione e informatizzazione, già avviato dall’Assessorato alla comunicazione, per essere sempre più vicini ai cittadini e ai visitatori. A tal proposito, da alcuni giorni, è possibile iscriversi gratuitamente al servizio whatsapp ‘NorciaInforma’ inviando un messaggio di richiesta al numero 333 6177275.

1 Commento

  1. Leggendo questa notizia quello che mi viene in mente è: ma questo Sindaco e questa amministrazione vivono a Norcia o in un altro posto? Per carità, occuparsi dell’arredo urbano è una cosa molto importante, ma non può essere una priorità, se non in condizioni di normalità. Una normalità che abbiamo perso 3 anni e mezzo fa e che non sembra riacquisteremo a breve. Considerata la situazione in cui viviamo, penso che un’amministrazione degna di questo nome dovrebbe avere delle priorità ben diverse da questa. Primo, dovrebbe condividere con la popolazione, nelle sue varie forme associative (compresi i comitati e forze economiche e politiche), le scelte più importanti per l’impostazione urbanistica, sociale ed economica della Norcia futura. Cosa finora non avvenuta e per la quale il Sindaco ha una grave responsabilità. Secondo, ritengo che ci siano argomenti più “urgenti” che dovrebbero occupare il pensiero e l’azione degli amministratori: lavoro, scuole (i ragazzi delle superiori passeranno probabilmente tutto l’anno nei container collettivi, mentre il fantomatico progetto del polo scolastico non vede la luce), casa di riposo dell’APSP (forse avremo una delocalizzazione dopo 4 anni. Non poteva essere fatta prima???), servizi sanitari ecc. Invece di prevedere un varco elettronico per l’accesso al centro storico sarebbe il caso di incentivare il rientro delle persone e delle attività economiche. Purtroppo sono convinto che non avverrà niente di tutto ciò perchè i nostri amministratori amano troppo pensare di essere i più bravi di tutti per confrontarsi con qualcuno. Auguri a tutti noi.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*