Monteleone di Spoleto, grande festa per il carnevale del Bartoccio


Scrivi in redazione

Monteleone di Spoleto, grande festa per il carnevale del Bartoccio

Monteleone di Spoleto, grande festa per il carnevale del Bartoccio

E’ stato il carro raffigurante un tema di stringente attualità: il coronavirus, ad aggiudicarsi il famoso piatto artistico che ritrae la figura di Bartoccio e la signora Rosa dipinto da un noto artista della ceramica.

Il premio per le maschere di gruppo è andato all’associazione ‘Oasi’; per il gruppo ‘Apette’ sono state premiate le ‘Contadine’; per le maschere singole “il principe” e “Biancaneve” (due bambini di pochi mesi); per il gruppo trattori il vincitore è stato il numero 9.

Grande festa di grandi e piccini oggi (23 febbraio) a Monteleone di Spoleto che è stata letteralmente invasa da gioiose e allegre maschere sia libere che a bordo di carri, 21 per la precisione, che hanno sfilato per le vie del borgo.
Il mondo delle fiabe e dei più celebri cartoni per bambini hanno fatto da filo conduttore alla variopinta sfilata acclamata dai tanti visitatori che, tra coriandoli, stelle filanti e musica hanno seguito la manifestazione. Il tutto aperto dal suono dei tamburini di Leonessa e Terzone e guidato dal “Bartoccio”, la maschera umbra che il prossimo anno festeggerà le 500 candeline.
Il Bartoccio è lo strumento per sottili invettive contro i potenti dell’epoca e di questa epoca. Maschera quasi dimenticata è stata oggetto di rilancio dal suo riscopritore Renzo Zuccherini che è stato presente all’evento insieme all’attore Graziano Vinti ed altri interpreti. L’idea di riappropriarsi dei valori di questa maschera è nata dalla collaborazione di tre Ragazze Giorgia, Martina, e Maura che insieme all’associazione ArcheoAmbiente ne hanno studiato la storia ed hanno deciso di voler dare valore alle tradizioni ed al folklore locale. Infatti Monteleone di Spoleto è un’amena località a 1000 metri di altezza dove la storia locale si basa su un economia rurale di alto pregio.
Il premio per le maschere libere è andato all’associazione ‘Oasi’; per il gruppo ‘Apette’ è stato premiato il gruppo ‘Contadine’; per le maschere singole “il Principe” e “Biancaneve” (due bambini di pochi mesi); per il gruppo trattori il vincitore è stato il numero 9;

“E’ l’attaccamento alla terra è ciò che emerge da questa maschera del Bartoccio – sono le parole del sindaco della città – e ringrazio Zuccherini per averla riportata alla luce”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*