“Prendersi cura di chi cura”, al via progetto della Scuola Umbra

progetto formativo “Prendersi Cura di chi cura”

 
Chiama o scrivi in redazione


progetto formativo “Prendersi Cura di chi cura”
Alberto Naticchioni, Amministratore Unico della Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica

“Prendersi cura di chi cura”, al via progetto della Scuola Umbra
PERUGIA – Prendersi cura di chi cura, sostenere il personale sanitario con un aiuto, semplice, essenziale e concreto durante l’emergenza coronavirus. Offrire un supporto qualificato agli operatori del sistema sanitario umbro per ampliare le possibilità di risposta nella gestione di eventi straordinari.

E’ l’obiettivo del progetto formativo “Prendersi Cura di chi cura. Strategie e strumenti per fronteggiare al meglio ogni Sfida. Pillole online gratuite per essere Professionisti – Persone Più Forti” promosso dalla Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica, diretta da Alberto Naticchioni. “Il progetto formativo – dichiara l’Amministratore Naticchioni – si articolerà in sei video più materiali di approfondimento che saranno pubblicati a partire da oggi 3 aprile su una piattaforma dedicata. Ringrazio il personale della Scuola, in particolare Alessia Sarno, Laura Vescovi e Leonardo Miccioni per l’impegno e per la dedizione profusa nell’avviare questo progetto e le altre attività formative a distanza”.

L’iniziativa è stata realizzata dall’Area formativa Sanità e Sociale della Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica, coordinata da Cristina Strappaghetti in collaborazione con la Dottoressa Enrica Brachi, Senior Trainer, Docente Esperta di “Strategic Skills, Mindset Dinamici, Intelligenza Emotiva e Sportiva, Comunicazione Generativa, Gestione Conflitti/Criticità, Innovation Management, Promozione Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro”.

“La fruizione delle ‘pillole’ video, ciascuna della durata di circa 10 minuti – spiega Strappaghetti potrà avvenire in qualunque momento, al bisogno e senza acqua. La durata delle pillole è breve ma il nostro auspicio è che gli effetti benefici possano durare a lungo nel tempo. Si tratta di un piccolo supporto della Scuola agli operatori del nostro sistema sanitario regionale per ringraziarli di quanto fanno in questo momento di grande emergenza”.

“La proposta – sottolinea Brachi – è un percorso che invita ad ampliare le possibilità di gestione dello stress, a fronteggiare al meglio la complessità, a utilizzare l’impatto della comunicazione per generare Valore, a connettersi con le più alte potenzialità presenti in ciascuno. I video – aggiunge la docente – basati sulle più recenti evidenze scientifiche (Intelligenza Emotiva, nuova scienza dello Stress e dei Mindset, la P.N.E.I. PsicoNeuroImmunoEndocrinologia, la Psicologia Positiva) sono un contributo per ben-lavorare, ben-essere, ben-vivere e crescere nelle avversità. Le pillole, con specifici spunti applicativi, sono sicuramente momenti nutrienti per prendersi cura di sé”.

Il primo video introdurrà il progetto e fornirà indicazioni sulla gestione di eventi complessi. Il secondo si soffermerà sulla gestione dello stress. La terza “pillola” sarà dedicata alla gestione delle emozioni e all’approfondimento dell’intelligenza emotiva. Il quarto e quinto video suggeriranno pratiche utili ad allenare una mentalità vincente e ad assumere un ruolo attivo a sostegno del proprio benessere. Strumenti utili da applicare nella vita quotidiana. Il sesto contributo online proporrà una pratica guidata, una sorta di “massaggio mentale” per prendersi cura di sé. Saranno inoltre pubblicati materiali di supporto ed approfondimento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*