Carabinieri controllano un esercizio commerciale, denunciato e multato il titolare

Finta assicuratrice truffa un uomo di Norcia, denunciata. Lei è una vecchia conoscenza della Giustizia

Carabinieri controllano un esercizio commerciale, denunciato e multato il titolare

Nella mattinata del 4 agosto 2022 i carabinieri della Compagnia di Norcia, con il supporto specializzato dei carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Perugia, del personale dell’Ispettorato del Lavoro e del Nucleo Carabinieri Antisofisticazione e Sanità di Perugia, hanno svolto un servizio coordinato finalizzato alla verifica dell’adempimento delle misure in materia di prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro, della regolarità dei rapporti di lavoro, al contrasto del fenomeno del lavoro nero e al rispetto della normativa di igiene, sicurezza e tracciabilità dei prodotti alimentari, durante il quale hanno sottoposto a controllo un esercizio commerciale della grande distribuzione.

Qui i Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro hanno denunciato l’amministratore unico dell’impresa commerciale, in quanto presunto responsabile delle violazioni previste dal D. Lgs. 81/2008, in particolare:

  • avrebbe omesso di designare il Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione munito di idoneo attestato (Art 17 co 1 lett. B);
  • avrebbe omesso la nomina del medico competente (Art. 18 co 1 let. A);
  • non avrebbe provveduto a consegnare ai lavoratori idonei dispositivi individuali di sicurezza (Art. 18 co 1 let. D);
  • non avrebbe provveduto a sottoporre a sorveglianza sanitaria due lavoratori (Art. 18 co 1 let. G);
  • avrebbe elaborato il documento di valutazione dei rischi privo di data certa (Art. 28 co. 2);
  • avrebbe omesso di designare gli addetti alle situazioni di emergenza, antincendio e gestione delle emergenze, nonché di Primo Soccorso muniti di idonei attestati (Art. 43, co ° 1, lettera b);
  • per la presenza di locali adibiti a spogliatoio la cui capacità sarebbe insufficiente rispetto al numero dei dipendenti occupati, sprovvisti di un numero sufficiente di armadietti e non divisi per sesso (Art. 63 co. 1, 2, 3 e Art. 64 co. 1).

Per tutte queste ragioni venivano contestate ammende per circa 13.000,00 euro.

Nel corso del controllo sono stati identificati dieci lavoratori regolarmente occupati e sono state contestate sanzioni amministrative per un totale di 3.000,00 euro a causa della mancata elaborazione del documento di valutazione dei rischi.

Inoltre è stato adottato il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale fino al ripristino delle regolari condizioni di lavoro.

Nell’ambito dei medesimi controlli anche i Carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità hanno irrogato delle sanzioni, in particolare:

  • sanzione amministrativa di 2.000,00 euro a causa dell’inosservanza delle procedure sulla corretta prassi igienica degli alimenti (Art. 6 co. 7 e co. 8 D. Lgs. 193/2007);
  • sequestro sanitario amministrativo di 171 chilogrammi di carne e prodotti da forno senza tracciabilità e scaduti, con obbligo di distruzione a carico dell’amministratore unico (Reg. CE 852/2004).

Le attività condotte, frutto della sinergia dell’organizzazione territoriale dell’Arma e dei Reparti Specializzati, hanno consentito così non solo di evidenziare e contrastare in maniera incisiva condotte che possono minare la sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro, ma anche di proteggere e tutelare la salute dei consumatori assicurando il rispetto delle norme in materia di sicurezza alimentare.

Le persone sottoposte alle indagini preliminari si presumono innocenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*