Castelluccio, pronti a seminare lenticchie, ci vogliono i caseifici promessi

Se non ricominciamo a produrre il nostro formaggio andremo in profonda sofferenza

Castelluccio, pronti a seminare lenticchie, ci vogliono i caseifici promessi
Foto dal sito lenticchiaigpcastelluccio.it

Castelluccio, pronti a seminare lenticchie, ci vogliono i caseifici promessi

NORCIA – “Siamo pronti a seminare di nuovo lenticchia di Castelluccio”. Lo ha detto all’ANSA, Diego Pignatelli, giovane agricoltore e presidente della Pro loco del borgo. “Non appena avremo la possibilità di salire con i trattori sul Pian Grande inizieremo a lavorare i terreni e quindi a seminare. Il rinvio della riapertura della strada provinciale 477 non ci voleva, adesso speriamo che la data del 18 marzo venga confermata e il meteo diventi più clemente, così potremo iniziare a lavorare già intorno al 20 marzo”, aggiunge Pignatelli.

Riferendosi alle promesse fatte Pignatelli ha detto: “Abbiamo bisogno che a Castelluccio vengano realizzati i caseifici promessi. Se non ricominciamo a produrre il nostro formaggio andremo in profonda sofferenza. Abbiamo avuto rassicurazioni da parte della Regione che le strutture saranno pronte entro aprile, noi ci contiamo”. Nel corso della consegna delle ultime 60 casette Sae a Norcia.

La presidente della regione Umbria, Catiuscia Marini, parlando di Castelluccio, nel corso della consegna delle ultime 60 casette Sae a Norcia, si è detta sicura di poter arrivare a inizio estate con i caseifici realizzati, così come le 8 Sae previste e il “deltaplano” che dovrà accogliere i ristoranti delocalizzati. Condizioni climatiche permettendo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*