Campagna di vaccinazione in 14 comuni umbri colpiti dal sisma del 2016

 
Chiama o scrivi in redazione


Campagna di vaccinazione in 14 comuni umbri colpiti dal sisma del 2016

Campagna di vaccinazione in 14 comuni umbri colpiti dal sisma del 2016

Sellano, Arrone, Ferentillo, Montefranco, Polino, Cascia, Cerreto di Spoleto, Monteleone di Spoleto, Norcia, Poggiodomo, Preci, Sant’Anatolia di Narco, Scheggino, Vallo di Nera. Sono questi i 14 i comuni umbri colpiti dal sisma del 2016 che saranno interessati dalla campagna di immunizzazione dal Covid-19, organizzata dalla Regione Umbria in coordinamento con la struttura del Commissario Straordinario per l’emergenza Covid, Generale Francesco Paolo Figliuolo, e il Ministero della Difesa.

Nel corso di una riunione di coordinamento tra tutti i soggetti coinvolti nell’iniziativa si è stabilito che a partire da martedì prossimo e per due settimane, 4 Presidi Vaccinali Mobili della Difesa, composti da ufficiali medici e sottufficiali infermieri delle Forze Armate, si recheranno prioritariamente a domicilio delle persone più anziane e vulnerabili, per poi estendere la vaccinazione ai restanti residenti dei centri interessati.

  • Il primo Comune coinvolto nella campagna di vaccinazione sarà Poggiodomo. A seguire gli altri, partendo da quello con meno abitanti, per arrivare a creare delle vere e proprie zone Covid-free.

Grazie al supporto della Protezione Civile, della Croce Rossa e delle Forze dell’Ordine, i sindaci allestiranno dei punti vaccinali straordinari temporanei. Inoltre, nei singoli centri partirà una campagna di informazione alla popolazione che sarà vaccinata a partire dai 12 anni di età.

  “L’integrazione delle forze – ha detto il commissario regionale per l’emergenza covid, Massimo D’Angelo – permetterà di mettere in sicurezza la popolazione di questa parte dell’Umbria. La nostra Regione si è distinta nella campagna vaccinale per aver messo in sicurezza in primis la popolazione anziana e i fragili più esposti al rischio di complicanze in seguito all’infezione prodotta dal Covid. Per questa iniziativa – ha concluso –   voglio ringraziare il Generale Figliuolo per l’attenzione che ci ha riservato. Ovviamente i ringraziamenti vanno a tutti gli uomini dello Stato e ai volontari della Protezione civile e della Croce Rossa che renderanno possibile questo intervento. Questa area rappresenta una zona a maggior disagio assistenziale e, pertanto, si è ritenuto necessario garantire un intervento vaccinale capillare”.

Alla riunione era presente anche il direttore della Regione Umbria, Stefano Nodessi.

2 Commenti

  1. Togliatti e i padri costituenti nella discussione sugli articoli della Costituzione, esortarono alla massima attenzione nei confronti delle emergenze sanitarie affidate alle forze dell’ordine e all’esercito. Si tratta di una forma neanche tanto velata di coercizione, in questo caso di persone fragili anche dal punto di vista. dell’autodeterminazione. Il vaccino non immunizza e può avere effetti gravi a breve e lungo termine. Nei paesi a più alto tasso di vaccinazione, mai da praticare d’estate specialmente a tappeto, si stanno verificando effetti negativi anche mortali mai prima constatati. I cosiddetti attuali vaccini sono una terapia genica sperimentale. Noi ne siamo solo le cavie disinformate e più o meno volontarie.

  2. Bambini dai 12 anni in su? Ma con quale cuore i genitori possono dare il consenso per fare ai propri figli una terapia genica sperimentale? Ma poi i bambini non si ammalano e non trasmettono il covid! Perchè rovinarli per sempre?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*