Maggioranza Norcia, escono Battilocchi e Perla, nasce Norcia Liberale

le ragioni sono di esclusiva valenza Politica e vanno cercate nelle oramai indifendibili carenze nella gestione della Città

Sindaco Norcia condannato, parla Norcia Liberale

Maggioranza Norcia, escono Battilocchi e Perla, nasce Norcia Liberale

Difficoltà all’interno della maggioranza Alemanno a Norcia a poco più di un anno dalla scadenza del mandato a Sindaco di Norcia, Nicola Alemanno si trova a fronteggiare una inattesa ed improvvisa difficoltà all’interno della sua maggioranza. Due dei nove Consiglieri che compongono la sua compagine “Rispetto per Norcia” si sono: prima dimessi dalle Presidenze delle Commissioni Consiliari permanenti (Bilancio e Lavori Pubblici) e successivamente sono usciti dalla maggioranza, costituendo il Gruppo “Norcia Liberale“.

Nel chiarire le motivazioni che hanno portato a questa rottura, i due Consiglieri Battilocchi e Severini P., hanno precisato che le ragioni sono di esclusiva valenza Politica e vanno cercate nelle oramai indifendibili carenze nella gestione della Città.

Norcia, da sempre, attiva e operosa vive con un senso di rinunciatario fatalismo, il profondo distacco dall’attuale Municipalità. La Comunità tutta vive silenziosamente, sulla propria pelle, quotidianamente, l’assenza di una Sanità degna dei tempi, sia presso l’Ospedale Civico, sia nell’assistenza di base che dimostra sempre di più carenze incolmabili.

Le Imprese produttive che, da sempre, sono abituate a rimboccarsi le maniche e a rimettersi in piedi, vivono l’attuale crisi economica e di passaggio generazionale, nella indifferenza della Politica locale che dimostra, in tal modo, di non essere in grado di accompagnare o di aiutare un modello credibile di sviluppo.

Si continuano a spendere cospicue somme per manifestazioni o viaggi che oramai, o non hanno più nulla da dire, o non portano nulla né alla Città, né alla Comunità e né alle Imprese produttive.

Manifestazioni e/o viaggi che esaltano qualcuno facendogli credere di aver raggiunto un ruolo di rilievo ma che, a Norcia, costano e basta. In questo quadro già abbondantemente fosco, le figure degli Assessori sono nulle, ad iniziare dal Vice-Sindaco, e nell’intento di tenere il più possibile tutto tranquillo “abbiamo” istituito la figura del Presidente del Consiglio Comunale che, seppur prevista dalle norme, in un Comune di 4.000 anime, oltre ad essere costosa è di una inutilità imbarazzante.

In considerazione di ciò ci distacchiamo dalla maggioranza e ci poniamo all’opposizione. Da oggi ci riteniamo liberi di poter, nell’ambito del Centro-destra e oltre, iniziare un serio dialogo per cercare di dare a Norcia un futuro condiviso e non dettato dal volere di ristretti circoli autoreferenziali …”.

Francesco Battilocchi – Alessandro Severini Perla

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*