Sellano, sul lago Vigi arriva la ‘Festa delle erbe dimenticate’

Promossa dal Comune e dalla proloco di Sellano la festa ha in programma conferenze, degustazioni e giochi


Scrivi in redazione

Sellano, sul lago Vigi arriva la ‘Festa delle erbe dimenticate’

Sellano, sul lago Vigi arriva la ‘Festa delle erbe dimenticate’

La natura regala spesso doni che all’uomo basta solo raccogliere. A ricordarlo, a Sellano, nella Valnerina, tra mastrici, strigoli, tarassaco, sambuco, mentuccia, insalate selvatiche, lupari, malva, ortica, borragine e finocchio selvatico c’è la ‘Festa delle erbe dimenticate’ sul lago Vigi, domenica primo maggio. Promossa dal Comune e dalla proloco di Sellano la festa ha in programma conferenze, degustazioni e giochi. Si parte alle 10.30, quando la dottoressa Elisabetta Pepponi illustrerà gli usi e le applicazioni delle erbe dal Medioevo ai giorni nostri e guiderà i presenti alla scoperta di quelle spontanee attraverso la vista e l’olfatto.

Alle 12.30, poi, tutti a tavola per gustare i piatti tipici della tradizione popolare sellanese a base, appunto, di erbe spontanee. Seguiranno, alle 14.30, giochi e attrazioni per grandi e bambini. Un servizio navetta gratuito, che porterà i partecipanti dal parcheggio degli impianti sportivi di Sellano fino al Lago Vigi, sarà attivo dalle 10 alle 17. In caso di maltempo la manifestazione si svolgerà al coperto.

“Cercheremo – ha dichiarato Marco Simoni, presidente della proloco Sellano – di  far conoscere e apprezzare le erbe spontanee e l’importanza che hanno avuto durante i secoli per le popolazioni locali. La festa prevede, infatti, un percorso conoscitivo delle erbe un tempo raccolte e consumate dai contadini locali o utilizzate per estrapolare preparati medicali e curativi”.

“Con questa iniziativa – ha aggiunto Simoni – vogliamo anche promuovere il nostro borgo che rimane uno dei principali riferimenti della Valnerina, terra dalle mille virtù culturali e paesaggistiche”.

Per informazioni: www.prolocosellano.com, 339.7253186

Sellano

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*