Cascia, processione del Cristo morto

 
Chiama o scrivi in redazione


dalla Confraternita Buona Morte Cascia
Il misticismo affonda in profondità le sue radici nel territorio Casciano. Questa zona montuosa, gelosa delle sue tradizioni ma aperta a chi vuol conoscere e capire lo stile di vita di una popolazione, legata alle sue secolari lotte con una aspra natura, trova nella Settimana Santa una culla e un ricettacolo di un misticismo autentico e perenne. La processione del Venerdi Santo diventa il luogo di una memoria collettiva aprendo a quelle emozioni che, per via genetica, questa gente si è trasmessa.

Il travaglio dell’uomo, che sente il bisogno di espiare, lo si vive in maniera drammaticamente suggestiva in questa processione antica di sette secoli. Per quattro chilometri una lunghissima catena processionaria, alla luce di torce, ammutolisce nel rievocare la passione di Cristo: il grido lamentoso di uomini e donne, che all’unisono intonano il “Miserere”, e lo strisciare impietoso delle catene, che i Penitenzieri legano ai piedi nudi, sono gli unici squarci sonori in una notte carica di misteri.

Le stazioni della via crucis, dipinte su stendardi, si drammatizzano in una sacra rappresentazione che replicano agli eventi di 2000 anni fa. La bara del Cristo morto, trasportata a spalla, chiude la lunga fila di penitenzieri, anonimi espiatori, che nascondono il loro corpo e il loro volto sotto una veste e un cappuccio nero quasi a volersi confondere con le tenebre della notte e sotto il peso della croce.

La processione si svolge la sera di Venerdi 3 aprile alle ore 21,30 nel caratteristico centro storico del comune di Cascia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*