Vallo di Nera, gli appuntamenti di Ferragosto 2018, dal 15 al 25

Vallo di Nera, gli appuntamenti di Ferragosto 2018, dal 15 al 25

Vallo di Nera, gli appuntamenti di Ferragosto 2018, dal 15 al 25. VALLO DI NERA (PG). Dopo la riuscita serata dell’iniziativa ‘Le mie radici’ organizzata dal circolo anziani di Piedipaterno con il sostegno del Comune di Vallo di Nera e dell’Università Agraria di Meggiano-Piedipaterno, continuano gli appuntamenti di Ferragosto nel Comune di Vallo di Nera, tra rafting sul Nera, camminate sulla ex ferrovia Spoleto-Norcia, trekking in montagna ed escursioni in mountain bike, godendo della frescura e del buon cibo.

Il 15 a Vallo alle ore 17,30 appuntamento alla Casa dei Racconti per festeggiare l’ottantesimo compleanno e i sessant’anni di attività artistica di Franco Pappalardo che è autore delle due installazioni, armadio della memoria e lmpadario delle cumere, presenti nella stanza centrale della Casa, antenna dell’Ecomuseo della Dorsale appenninica e della Valnerina. Ore 18,15 visita guidata del centro storico e dei suoi monumenti.

Alle 21,00, sempre il 15 agosto, kara0ke anni 60-70-80 con Dj Tanao; giovedì 16 agosto festa di San Rocco, messa alle 18,30 nella chiesa omonima animata dal gruppo Cantori del Gregoriano di Spoleto e della Valnerina e alle 21,00 concerto di musica antica per voce e organo nell’auditorium di Santa Caterina a cura dell’Accademia Hermans: soprano Silvia Martinelli, all’organo Andrea Trovato.

Il 17 alle ore 21,00 commedia dialettale “La puntura no…no…no” della compagnia teatrale “La Traussa”. Dal 16 al 19 agosto a Meggiano, ogni sera a partire dalle 17,00 stand gastronomici e cucina tipica locale con farro, agnello e lumache, orchestre spettacolo, a cura della Pro Loco di Meggiano.

Il 25 agosto a Vallo di Nera, alle ore 17,00 un prestigioso appuntamento culturale con la presentazione della rivista ‘Spoletium’ 2018 dell’Accademia degli Ottusi, con un numero interamente dedicato alle opere d’arte dei territori della Valnerina, di Norcia, Cascia e Visso.

È una scelta di siti e opere che mette in risalto le peculiarità artistiche dell’area anche come espressione del sistema economico nel passato e come uno dei fattori di rinascita nel presente. L’Accademia degli Ottusi intende promuovere per la presentazione di ‘Spoletium’ una iniziativa che, coinvolgendo diversi soggetti,  richiami l’attenzione sui temi della ricostruzione, del restauro, dell’economia, dal  settore turistico a quello agroalimentare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*