Ricostruzione, intesa su Testo Unico. Soddisfazione Alemanno

Ricostruzione, intesa su Testo Unico. Soddisfazione Alemanno

“Con l’approvazione del Testo Unico, si compie oggi un altro importantissimo passo in avanti, non solo per l’attuale gestione della ricostruzione del Centro Italia post sisma 2016, ma anche nel fornire un documento che sia una base solida per questa ricostruzione e quelle che sarà chiamato ad affrontare il nostro Paese, tanto bello quanto fragile, come dimostrano anche l’alluvione di Ischia e quella delle Marche a settembre”.

Lo dichiara il Sindaco di Norcia Nicola Alemanno, membro della Cabina di Coordinamento Sisma per Anci Umbria e del comitato ristretto per la stesura del Testo Unico insieme ai 4 direttori degli Uffici Speciali per la Ricostruzione Regionali, già nel 2016, all’indomani dell’evento sismico del 30 ottobre il Sindaco Alemanno aveva manifestato la necessità di disporre di un testo unico per la gestione delle emergenze e la ricostruzione.

“Sarà uno strumento sarà molto utile che consentirà di non disperdere l’imponente mole di lavoro e di esperienza maturata sul campo in questi anni dai Sindaci – prosegue Alemanno – che affrontano l’emergenza e quindi la ricostruzione delle proprie città e comunità secondo le peculiari caratteristiche di ciascun territorio, in sinergia con il Commissario Giovanni Legnini, la Struttura Commissariale e con tutti gli Enti sovraordinati” conclude il Sindaco.

Il Testo riorganizza, semplifica ed innova le norme contenute in sessantuno Ordinanze, che vengono contestualmente abrogate ed entrerà in vigore dal primo gennaio 2023 con il via libera della Corte dei Conti. Il Testo raccoglie in 130 articoli e 15 allegati oltre 550 disposizioni (con 65 allegati) che sono state adottate a partire dal 2016, superando un quadro di regole stratificato, a volte sovrapposte, di difficile comprensione. In esso si delineano per la prima volta i principi che orientano la ricostruzione, cioè speditezza e semplificazione amministrativa, legalità, imparzialità, trasparenza, partecipazione, e le sue finalità: sicurezza degli edifici e del territorio, sostenibilità ambientale, efficienza energetica, qualità architettonica, tutela e valorizzazione del patrimonio, lo sviluppo sostenibile.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*