Noi per Norcia su strada di accesso alle SAE della frazione Ancarano

 
Chiama o scrivi in redazione


Sportello del lavoro a Norcia potrebbe chiudere, è preoccupazione in città

Noi per Norcia su strada di accesso alle SAE della frazione Ancarano

I consiglieri del gruppo Noi per Norcia hanno presentato due interrogazioni consiliari per richiedere informazioni all’Amministrazione Comunale riguardo la strada di accesso alle SAE della frazione Ancarano e l’erogazione dell’acqua potabile. “Ad Ancarano, – scrivono i consiglieri, – si ha accesso alle SAE mediante la vecchia strada per Campi, strada sterrata. La popolazione ha più volte richiesto un intervento da parte del Comune, l’ultima volta a fine settembre.

La risposta del Sindaco e dell’assessore Perla è stata perentoria: non si vogliono utilizzare risorse del bilancio comunale per i lavori ed è compito della protezione civile nazionale occuparsene. Ancora una volta, – dicono i Consiglieri – il Sindaco scarica su altre istituzioni le colpe della sua cattiva amministrazione. Nell’interrogazione si richiede dunque se la Protezione Civile è stata adeguatamente sollecitata a provvedere e per quale ragione l’amministrazione comunale non vuole impegnare fondi di bilancio per i lavori della strada, magari attingendo anche alle donazioni post sisma.

Per quanto riguarda invece la situazione dell’erogazione dell’acqua potabile i Consiglieri Angelini, Coccia, Duca e Iambrenghi riportano le segnalazioni di molti cittadini che, soprattutto al mattino, vedono uscire dai rubinetti dell’acqua torbida. Ciò causa agli abitanti di Norcia un disagio fisico, essendo impossibilitati ad utilizzare l’acqua, ma anche economico, dovendo acquistare l’acqua in bottiglia.

L’amministrazione viene interrogata per sapere se è a conoscenza del problema e se ha provveduto a relazionarsi con la società VUS responsabile del servizio. I consiglieri hanno poi allargato l’ambito dell’interrogazione chiedendo se l’amministrazione comunale ha intenzione di intraprendere azioni per scongiurare la sospensione dell’erogazione che avviene di notte nei mesi estivi e se si ha intenzione di costruire nuovi pozzi e ricercare nuove sorgenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*