CIS 22 milioni all’Umbria per post sisma. Subito 3,7 a Norcia

Unanime apprezzamento è stato espresso per il Ministro Carfagna

 
Chiama o scrivi in redazione


CIS 22 milioni all’Umbria per post sisma. Subito 3,7 a Norcia

CIS 22 milioni all’Umbria per post sisma. Subito 3,7 a Norcia

Si è da poco concluso il Tavolo Istituzionale CIS “Sisma” per l’approvazione finale e sottoscrizione del Contratto Istituzionale di Sviluppo previsto dalla legge di bilancio 2021. Il Ministro per il Sud e la Coesione Territoriale, On.le Maria Carfagna, con la Collaborazione di Invitalia e l’Agenzia della Coesione Territoriale, ha terminato in tempi record l’istruttoria dei progetti raccolti dalle Regioni e presentati dai Comuni. L’Umbria, con la Presidente Tesei, l’Assessore Agabiti ed il Sindaco di Norcia, Nicola Alemanno, supportati dal Direttore Stefano Nodessi, ha ancora una volta garantito, il finanziamento di importantissimi progetti di grande valenza comprensoriale per un valore di oltre 22 milioni di Euro (su oltre 40 milioni presentati), garantendosi anche l’opzione per altri progetti che si sta cercando di finanziare a valere sui fondi assegnati alla Struttura Commissariale e sui risparmi dei costi di gestione della Camera con emendamento a prima firma del Vice Presidente Simone Baldelli (FI).

Alla riunione hanno partecipato anche il Ministero dell’Economia e delle Finanze, Il Ministero dello Sviluppo Economico, il Ministero della Cultura, il Ministero del Turismo, la Ragioneria Generale dello Stato ed ovviamente il Commissario Straordinario Giovanni Legnini, sempre parte attiva in tutti i processi che riguardano la Ricostruzione.

Unanime apprezzamento è stato espresso per il Ministro Carfagna da tutti i Presidenti delle Regioni, Ministro che è riuscito anche a ricomporre una problematica emersa tra alcuni comuni e la Regione Marche.

Il Comune di Norcia ha visto il Finanziamento del Progetto del primo stralcio funzionale del Piano di Azione per la Mobilità Sostenibile di Castelluccio di Norcia per oltre 3,7 milioni di Euro con i quali si realizzeranno i primi parcheggi sulla “corona” del Pian Grande ed i primi interventi per la mobilità dolce, anche da e per Norcia.

Inserito nell’elenco dei progetti a rilevanza media (interventi non immediatamente attivabili) il Progetto “Una rete per Rifiorire” per oltre 2,5 mln di Euro.

Inserito nel terzo elenco dei finanziabili anche il Progetto per un Centro documentazione dei terremoti n Umbria e di un osservatorio permanente sulle ricostruzioni post sisma (€ 400.000) che potrà giovarsi anche degli interventi previsti per l’isolamento del Palazzo Comunale e della parte storica dell’abitato di Castelluccio (Progetto che verrà presentato nei prossimi giorni). Inserita anche la riqualificazione del Rifugio di Monti del Sole (a cura della Provincia di Perugia – € 550.000).

A seguire si è poi tenuta anche la riunione della Cabina integrata del Fondo Complementare Aree Sisma nel corso della quale sono stati esaminati gli indirizzi sul funzionamento dell’organismo e gli indirizzi per la redazione dei programmi unitari. Entro il 30 settembre saranno prodotte le schede per le due macromisure : a) Città e paesi sicuri, sostenibili e connessi, con una dotazione di un miliardo ed 80 milioni di euro e, b) Rilancio economico e sociale, con una dotazione di 700 milioni di Euro.

Grande soddisfazione è stata espressa dal Sindaco di Norcia: “Sono molto contento per l’imponente lavoro svolto per ANCI, in collaborazione con tutte le istituzioni e per tutti i comuni del Cratere, ovviamente in particolare, per quelli dell’Umbria ed anche per Norcia” . “Noi continuiamo a lavorare – conclude il primo cittadino – per spendere ora le copiose risorse che stanno arrivando finalmente anche a supporto dello sviluppo e garantire la rinascita di tutta l’Area. Nessuno può fare da solo. Lasciamo le sterili polemiche locali a chi altri argomenti non ha se non quelli delle futili strumentalizzazioni”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*