Unipegaso

Panorama d’Italia  a Norcia storie della ripartenza di realtà nursine

Mulè ha consegnato 100 libri alla scuola superiore di Norcia

Panorama d’Italia  a Norcia storie della ripartenza di realtà nursine

Panorama d’Italia  a Norcia storie della ripartenza di realtà nursine

da Paolo Millefiorini
Panorama d’Italia fa tappa a Norcia
, scenario di diversi appuntamenti promossi dal settimanale Panorama e dal gruppo Mondadori. Venerdi si è parlato di storie di rilancio imprenditoriale post sisma. Diversi i relatori coordinati dal direttore Giorgio Mulè. Per Norcia, Padre Benedetto Nivakoff (Priore del Monastero Benedettina che produce la ‘Birra Nursia’) e Vincenzo Bianconi (Presidente Federalberghi provincia di Perugia). Oltre a loro, altri rappresentanti di industrie di eccellenza del territorio regionale come Pietro Buzzi (direttore area imprese Umbria Intesa Sanpaolo), Daniel Mazzotti (Punto Cobat Biondi Recuperi), Fioramante Modestia (terme di Triponzio), Tiziana Tombesi (Castello di Umbriano) Maurizio Turci (chief financial officer, corporate affairs and hr director Italmatch Chemicals Spa) e Angelo Failla (direttore Fondazione IBM Italia).

“L’iniziativa di Panorama d’Italia ci da l’opportunità di poter parlare di quanto il nostro territorio possa offrire e ringrazio il direttore Giorgio Mulè per la grande occasione data – dichiara il Sindaco di Norcia, Nicola Alemanno – La nostra ambizione è far tornare Norcia competitiva nel più breve tempo possibile ripartendo appunto da quello ci da la nostra terra fatta di piccole realtà imprenditoriale che producono eccellenze riconosciute in Italia e all’estero”.

La bellezza di Norcia è rimarcata dal direttore Giorgio Mulè “con questo bel sole non sapete cosa vi state perdendo” rivolgendosi ai canali in cui l’incontro di stamattina era trasmesso in diretta. “Questo territorio è già ripartito e proprio su questo vertono gli incontri odierni”.

Sottolinea il senso di appartenenza al territorio, in questo particolare momento, l’ intervento di Padre Benedetto, che parla di ‘stabilitas loci’ come fondamento della regola benedettina, che scherzando per l’occasione passa da Ora et Labora a ‘Ora et Labira’.

“Il voto di stabilità dei monaci ci ha dato la guida in questi mesi di terremoto – dice padre Benedetto – con principi fissi e chiari. Solo dopo che tutti sono al sicuro si può tornare a perseguire un’obiettivo che deve essere chiaro e determinato. La nostra comunità in questo fa una programmazione a lunghissimo termine”. Dal 3 giugno scorso i monaci hanno ripreso la vendita della birra, che ha fermentato durante i mesi del sisma. I Love Nursia la nuova etichetta. Padre Benedetto annuncia che la birra Leffe si è fatta promotrice di un’iniziativa a sostegno della produzione della birra locale con bottiglie limited edition. “anche partendo dalla birra – dice il priore – si può arrivare ad avvicinare la gente a parlare di Dio”.

E’ rimasta a Norcia anche la famiglia Bianconi che attraverso Vincenzo Bianconi sfata il pregiudizio a nominare il terremoto “partendo da qui crediamo che Norcia possa diventare un modello di eccellenza territoriale e di comunità. La nostra città è unica e vogliamo far si che divento un luogo speciale. Non andando via noi abitanti, anche altri vorranno venire a vivere luogo in cui pensare al futuro. In questa direzione si colloca il progetto Arca, centrale per la onlus I Love Norcia. Si diventa destinazione virtuosa – conclude Bianconi – se tutti, dai bambini agli anziani, faranno parte di un percorso condiviso”.

Conclusi gli interventi il direttore Mulè ha consegnato 100 libri alla scuola superiore di Norcia, presente con alcune classi.

I nostri ragazzi particolarmente meritano questo regalo – dice l’assessore alla cultura del Comune di Norcia, Giuseppina Perla – loro hanno dimostrato di essere capaci di reagire a questa tragedia e sono stati esempio anche per noi adulti, rimanendo qui e continuando a stare insieme”. Gli appuntamenti di Norcia proseguiranno domani, sabato 10, sempre all’insegna del territorio e del suo rilancio. Alle 10,30 in Piazza san Benedetto con una conversazione tra il direttore Giorgio Mulè e Brunello Cucinelli su “La nostra amata Umbria”. Nel pomeriggio, sempre la Piazza farà da scenario all’incontro “One to one con Bruxelles”, con l’ Europarlamentare Beatrice Covassi, capo della rappresentanza in Italia della Commissione Europea. Alle ore 21,00 Piera Detassis intervisterà l’attore Marco Bocci.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*