Stefano Paloni confermato segretario generale Uil Umbria

Con Paloni eletti anche Federico Biagioli segretario organizzativo, Roberto Verrucci con delega agli Impianti fissi e Alessio Panfili tesoriere

Stefano Paloni confermato segretario generale Uil Umbria

Stefano Paloni confermato segretario generale Uil Umbria

SCHEGGINO – Stefano Paloni è stato confermato all’unanimità come segretario generale della Feneal Uil Umbria. La riconferma è avvenuta nel corso del VII congresso regionale, che si è svolto a Scheggino, dal titolo “Con la ricostruzione rinasce la vita”. Accanto a Paloni, Federico Biagioli è stato confermato segretario organizzativo, Roberto Verrucci con la delega agli Impianti fissi. Tesoriere per il prossimo mandato Alessio Panfili.

Il congresso è stato celebrato alla presenza di Fabrizio Pascucci, segretario Feneal Uil Nazionale e Pierpaolo Frisenna, segretario organizzativo Feneal Uil. Ospiti i rappresentanti del Comune di Scheggino, della Fillea Cgil, della Filca Cisl, della Cassa edile di Perugia, della Uil Pensionati e della Cna dell’Umbria.

Lunga e articolata la relazione di Paloni, che è partito da una ferma condanna alla politica dell’austerity, “che ha prodotto di fatto solo l’aumento del debito pubblico”. “In questi anni non si è puntato sul lavoro, lo possiamo affermare tranquillamento. L’atteggiamento dei Governo che si sono succeduti lo hanno dimostrato, si è scommesso di più sulla finanza. Qualcuno ha anche provato a far passare il messaggio che il sindacato fosse un elemento inutile, un modello da superare.

Il risultato – ha proseguito Paloni – è stato l’aumento della povertà”. Quindi le priorità per il nuovo Governo: “la riduzione del cuneo fiscale, un investimento forte nella pubblica amministrazione e la rivisitazione della legge Fornero. Serve anche puntare sulla separazione tra i costi di assistenza e di previdenza”. “Serve – ha detto Paloni – anche un segnale per i giovani, con il jobsact che si è rivelata essere una misura del tutto inutile”.

Da Paloni poi il richiamo alla firma del Contratto nazionale e l’analisi della situazione legata ai settori dei materiali, con il legno che sta andando bene e con le difficoltà per laterizi e manufatti e con il settore della produzione del cemento, di calce e gesso in piena trasformazione, con le aziende passate da 13 a 4.

E sulla tecnologizzazione del processo produttivo: “Non possiamo ignorare – ha detto Paloni – che almeno un terno dell’attuale occupazione è ad altissimo rischio di espulsione dal ciclo produttivo”. Novità che hanno messo in discussione il senso stesso di fare sindacato: “In Feneal abbiamo creato un nuovo modello, che ha unito le risorse umane ma anche quelle economiche. Un modello che dovrà far fronte alla crisi, se è vero che i lavoratori iscritti alle casse edili sono passati dai 24mila del 2000 agli 11.295 attuali. La sfida reale per il futuro è la ricostruzione. Sarà un processo che coinvolgerà moltissime imprese e lavoratori. E’ chiaro che dovranno arrivare imprese da fuori regione, ma è altrettanto chiaro che va colta questa occasione per rilanciare l’occupazione e far lavorare le imprese locali. Il tutto tenendo ben presenti gli strumenti che possano assicurare la legalità e la sicurezza”.

Tra gli ospiti Augusto Paolucci (Fillea Cgil) e Tino Tosti (Filca Cisl) si sono trovati concordi con Paloni, confermando che la ricostruzione post terremoto è l’unica occasione di rilancio del settore. Hanno fatto eco il presidente della Cassa Edile di Perugia e Francesco Ciurnella (Uil Pensionati). Il presidente della Feneal Uil delle Marche, Luciano Fioretti, ha sottolineato la grande collaborazione tra le due categorie. “Ci sono potenzialità per il rilancio del comparto – ha detto Pasquale Trottolini, della Cna – i sindacati e il mondo delle imprese devono rilanciare insieme il settore”. Dal segretario regionale Uil Claudio Bendini l’auspicio ad una sempre maggiore partecipazione alle grandi questioni sociali e lavorative e l’auspicio affinchè l’Università possa stringere di più il rapporto con il mondo del lavoro.

Conclusioni affidate a Pierpaolo Frisenna. “La ricostruzione – ha detto –  dovrà servire per mantenere il tessuto sociale e la storia. Il rischio di non dare risposte è quello di perdere i giovani. I cittadini che vanno fuori andranno a contribuire alla ricchezza di altri territori. Noi rappresentiamo i lavoratori delle costruzioni. Il settore sta vivendo una delle peggiori crisi dal dopoguerra. In questo settore è difficile fare sindacato. Vanno date risposte e la piccola Italia non può darleda sola, vanno dato a livello globale ed europeo. Quanto all’Italia, al Governo spetterà di portare il paese fuori dalla crisi e dargli un modello di sviluppo per stare a testa alta in Europa”.

C’è una crisi anche di valori: oggi è fermo l’ascensore sociale. La nostra priorità resta quella di rimettere al centro la persona e lavorare affinché i lavoratori abbiano sempre più dignità”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*