Consegnate a Norcia altre 44 Sae alla presenza di Borrelli

Alemanno: “Grazie per aver scelto di restare”

Consegnate a Norcia altre 44 Sae alla presenza di Borrelli

NORCIA – Regalo di Natale per altre 44 famiglie a Norcia che hanno visto consegnarsi altrettante SAE, soluzioni abitative d’emergenza, direttamente dal Capo Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, insieme al Sindaco di Norcia, Nicola Alemanno, all’Assessore regionale Giuseppe Chianella e all’ architetto Alfiero Moretti.

Le chiavi delle casette sono state consegnate al Centro Polivalente ‘Norcia 4.0’, dove ultimamente si svolgono le consegne a causa delle basse temperature di stagione. Le casette sono così ripartite: 28 a Norcia capoluogo, Zona Industriale C; 1 a Popoli; 3 a Piediripa e 12 a Savelli; ammontanto così a 419 il totale di abitazioni presenti nel territorio. Inizialmente era prevista per oggi la consegna di 11 casette a Valcaldara ma la consegna slitterà di qualche giorno, presumibilmente nei primi giorni dell’anno, insieme ad un altro blocco.

“Altri concittadini rientrano in una casa e per alcuni è il ritorno a Norcia: questo è sempre un momento emozionante. Da oggi – dice il Sindaco Alemanno – potrete riannodare il filo e ripristinare una parziale normalità nella vostra vita. Abbiamo anticipato la consegna per farvi un dono di Natale – prosegue il Sindaco – potrete intanto pensare di sistemare gli ultimi dettagli e le utenze per far si che questa abitazione, dotata di ogni cosa, possa essere messa a regime quanto prima per renderla pienamente vivibile”.

Il fabbisogno ultimato nel territorio di Norcia è circa del 85% e il Sindaco si sofferma anche sul dato dell’emigrazione che è rimasto pressoché invariato rispetto agli anni 2014 – 2015. “Ringrazio Borrelli per aver voluto essere presente qui oggi e ringrazio tutto il Dipartimento di Protezione Civile nazionale e regionale che il mondo ci invidia.

Grazie di cuore ai miei concittadini per aver fatto la scelta di restare a Norcia, non era scontata, e soprattutto di saper aspettare – continua il primo cittadino – il sistema sta funzionando e seppure da un lato ha portato ritardi e lentezza, dall’altro consente sicurezza e trasparenza nei lavori. Insieme stiamo lavorando per migliorarci”. Chianella, portando il saluto della Regione, parla di risultati veri “grazie al lavoro in sinergia con i Comuni” e come questo sia preso ad esempio.

La tempistica della burocrazia è il nodo sul quale si sta lavorando, soprattutto per quanto concerne la prossima ricostruzione. “Nel mondo siamo visti come un paese all’avanguardia – dice Borrelli – ma dobbiamo organizzarci per essere più tempestivi e reattivi.

Quando abbiamo pensato queste soluzioni abitative abbiamo voluto il meglio che offrisse il mercato – rimarca – confortevoli e in classe A. Queste rimarranno patrimonio per il territorio e potranno essere utilizzate sia per scopi utili alla comunità che, e speriamo di no, ad arginare future esigenze d’emergenza. Dopo questo sisma – conclude il Capo Dipartimento – abbiamo chiesto la delega per riformare il sistema di Prociv, puntando puntare sulla capacità di fare più prevenzione e dare risposte immediate a popolazione”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*