Raccolta di firme online per dissequestro del centro polivalente di Norcia

Il centro polivalente è stato sequestrato su disposizione del gip di Spoleto

Raccolta di firme online per dissequestro del centro polivalente di Norcia

Raccolta di firme online per dissequestro del centro polivalente di Norcia

NORCIA – Una raccolta di firme on-line per chiedere il dissequestro del centro polivalente di Norcia è stata avviata. A fare questo è stato il professore Emilio Battisti, architetto e già ordinario del Politecnico di Milano alla Scuola di Architettura.

La petizione si trova sul sito avaaz.org e in soli quattro giorni ha raggiunto 804 sottoscrizioni. Il docente sottolinea che l’iniziativa “non nasce” dall’amicizia che pure lo lega all’architetto Stefano Boeri che ha realizzato la struttura, “ma semplicemente per tentare di superare questo paradosso”.

“Quando raggiungeremo le mille firme – spiega – ho in mente di prendere contatti con l’amministrazione comunale e magari con la Regione dell’Umbria per cercare di non mandare dispersa la manifestazione di interesse che tanti italiani stanno dimostrando di avere al caso, attraverso questa sottoscrizione”.

Il centro polivalente è stato sequestrato su disposizione del gip di Spoleto che ha accolto la richiesta della procura che ipotizza la sua costruzione in difformità alle norme urbanistiche. Per i pm si sarebbero infatti dovute seguire procedure ordinarie e non straordinarie legate al post sisma.

Perché è importante

Il sequestro del Centro polivalente realizzato a Norcia per far fronte all’emergenza del dopo terremoto impedisce ai cittadini l’uso di uno spazio protetto e sicuro dove svolgere le sedute del Consiglio comunale, della protezione civile e le attività associative e culturali che non dispongono attualmente di altra sede.
Inoltre il dissequestro non può pregiudicare il procedimento avviato dalla magistratura mentre il sequestro, contrariamente a quanto affermato dal Procuratore, non può non “provocare pregiudizi o ritardi all’opera di ricostruzione, e all’assistenza alle popolazioni in caso di futuri terremoti”.

Ecco il link per firmate la petizione https://goo.gl/gE9opV

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*