Norcia, conclusa la prima “Rassegna Teatrale Scolastica Umbra”

Gruppo consiliare Norcia nel Cuore: "I cittadini hanno diritto di conoscere"
Gruppo consiliare Norcia nel Cuore: "I cittadini hanno diritto di conoscere"

da Giobbe Furi
Si è conclusa a Norcia la “1° Rassegna Teatrale Scolastica Umbra”, con grande successo di pubblico, presso il locale Teatro Civico messo a disposizione dall’Amministrazione comunale.

Alla manifestazione, promossa dalla Professoressa Rossella Tonti, dirigente scolastico dell’Istituto Omnicomprensivo De Gasperi – Battaglia di Norcia, hanno partecipato tre scuole primarie umbre:
l’Istituto XX Settembre del primo circolo di Spoleto con lo spettacolo “Tutti mangiano”;
l’Istituto Comprensivo Spoleto 2 di Spoleto con lo spettacolo “La luce – Il futuro con le ali”;
l’Istituto Omnicomprensivo De Gasperi – Battaglia di Norcia con lo spettacolo “Pinocchio con le ali”.

Al termine dei due giorni di rappresentazione, la giuria ha stabilito di assegnare il 1° premio, a pari merito, a tutti e tre gli spettacoli. Con questo si è voluto dare priorità alle capacità ed all’impegno dei bambini che, per età diversa, erano difficilmente paragonabili. Nelle motivazioni poi si è evidenziato anche il fondamentale contributo dei singoli insegnanti e di quanti hanno collaborato alla realizzazione degli spettacoli.

La giuria si è espressa con le seguenti motivazioni:

Istituto XX Settembre: “Per la spontaneità della recitazione e la dimostrazione di autocontrollo dei bambini nel gestire i propri ruoli”;

Istituto Spoleto 2: “Per la profondità della tematica, le coreografie e l’attualità delle problematiche che lo spettacolo ha saputo ben comunicare”:

Istituto De Gasperi – Battaglia: “Spettacolo premiato per le scenografie, i costumi, le scelte musicali e la presenza scenica dei giovani attori”.

Al termine della manifestazione si è dato appuntamento all’anno prossimo con l’auspicio di una maggiore partecipazione sia in fatto di numero di scuole coinvolte che di classi allargando la proposta anche alle scuole secondarie.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*