Il Buon Natale dalla Fidapa BPW Italia alle popolazioni terremotate

La sala polivalente che ospitava l'evento era affollata di numerose fidapine provenienti da più città del paese

Il Buon Natale dalla Fidapa BPW Italia alle popolazioni terremotate

Il Buon Natale dalla Fidapa BPW Italia alle popolazioni terremotate

NORCIA – Consegnate a Norcia 26 borse di studio a studentesse provenienti da comuni ricompresi nel cratere. Grande partecipazione, a Norcia, all’occasione sociale organizzata per la FIDAPA BPW ITALIA dalla sezione di Terni, per la cerimonia di consegna delle borse di studio istituite dall’associazione come attestato di attenzione verso le nuove generazioni che vivono momenti particolarmente disagiati.

L’iniziativa del Distretto Centro e della sua presidente, Fiorella Annibali ,all’indomani del dramma del 24 agosto, venne subito appoggiata dalla presidente nazionale Pia Petrucci e seguita da tutte le sezioni del Paese.

Una sentita seppur semplice testimonianza, quella della Fidapa, della sua sensibilizzazione al dramma conseguente al fenomeno tellurico.  La FIDAPA, rappresentata dagli attuali vertici, Caterina Mazzella, pres Nazionale e Paola Bonciani, pres distrettuale, ha inteso così porgere gli auguri di BUON NATALE alle popolazioni di quelle terre martoriate di Umbria, Marche e Lazio pensando alle loro figliole come incentivo a continuare gli studi per crescere e rimanere nei rispettivi territori.

Presenti all’appuntamento con le 26 studentesse anche i sindaci che le avevano segnalate con in testa quello di Norcia, Nicola Alemanno, padrone di casa, che ha portato il saluto,illustrato il dramma e contemporaneamente la volontà di risorgere.

La sala polivalente che ospitava l’evento era affollata di numerose fidapine provenienti da più città del paese e tanti cittadini desiderosi di trascorrere un’ora di spensieratezza: Terni era presente con tutto il direttivo che ha collaborato fattivamente alla realizzazione delle Borse di studio e tante altre socie. 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*