Villa Umbra investe sulla qualità

Villa Umbra investe sulla qualità
PERUGIA – “Il sistema di gestione adottato dalla Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica risulta efficace e conforme allo standard, in base ai campionamenti effettuati durante l’audit”.

E’ quanto afferma nel suo rapporto conclusivo l’organismo di certificazione internazionale di certificazione, di ispezione e di formazione, DNV GL Business Assurance Italia, che lunedì 31 luglio ha eseguito l’audit presso Villa Umbra, confermando la validità del certificato.

Audit positivo a Villa Umbra

L’audit svolto lunedì quale verifica intermedia non ha rilevato problemi che impattano sul programma del corrente ciclo di certificazione della Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica, guidata dall’Amministratore Unico Alberto Naticchioni. Gli obiettivi chiave dell’audit sono stati raggiunti e il piano di audit è stato seguito senza cambiamenti di rilievo. È stata verificata l‘attuazione dei nuovi requisiti ai sensi della ISO 9001-2015, registrando la corretta transizione dalla ISO 9001-2008, con l’elaborazione di un sistema di risk assessment generale e relativo adeguamento delle procedure specifiche (organizzazione, personale, erogazione), conforme ai requisiti della norma.

Formazione nel segno della qualità sin dal 2003

Il sistema di gestione per la qualità del Consorzio Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica viene applicato sin dal 2003 attraverso una serie di procedure della qualità, formali e documentate, in accordo con i requisiti prescritti dalla norma UNI EN ISO 9001.

L’organismo di certificazione ha verificato a livello documentale le procedure relative a due corsi, il primo relativo all’aggiornamento della Pubblica Amministrazione ed il secondo concernente la formazione specifica per medici di medicina generale. Considerato l’esito positivo dell’audit, non sarà necessario un follow-up.

I punti di forza di Villa Umbra

Tra i principali punti evidenziati da DNV GL durante l’audit Villa Umbra si distingue per la sistematica ricerca ed analisi di fabbisogni atti a progettare corsi ed eventi formativi attuali ed aggiornati, l’attenzione all’efficacia degli eventi e la relativa soddisfazione dei discenti e dei committenti, l’incremento delle convenzioni, seppur già numerose, e la tempistica e corretta risposta alle anomalie segnalate esternamente. Tra le principali aree di miglioramento individuate: il proseguimento del processo di digitalizzazione.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*