Fiera del Capo Lanuto, a Cascia al via il 13 aprile 2018

Fiera del Capo Lanuto, a Cascia al via il 13 aprile 2018

Fiera del Capo Lanuto, a Cascia al via il 13 aprile 2018

CASCIA – Si aprirà il 13 aprile nella città di Santa Rita la seconda edizione della “Fiera del Capo Lanuto” che, a dimostrazione della reale missione dell’evento di valorizzazione e promozione del territorio e del mondo della pastorizia, avrà inizio con il convegno “Pastorizia e Pastori, custodi e tutori dei siti Natura 2000”, il quale si terrà dalle 16 presso la tensostruttura di piazzale Leone XIII. L’intento del convegno, aperto dai saluti del sindaco di Cascia Mario De Carolis e chiuso dall’assessore regionale Fernanda Cecchini, è quello di sottolineare l’importanza delle greggi che mantengono il territorio e lo salvaguardano.

I pastori e le loro greggi sono infatti i primi custodi e tutori della montagna e con la loro presenza ed il loro impegno secolare, sono testimoni anche della storia di questa terra ed è per questo che devono responsabilmente assumere un ruolo di vero protagonista nello sviluppo, nella tutela e nella salvaguardia del territorio. Si parlerà quindi di biodiversità e sostenibilità ambientale, ciò infatti rappresenta Natura 2000, una rete di aree destinate alla conservazione della biodiversità sul territorio dell’Unione Europea.

Leggi anche: A Cascia dal 13 al 15 aprile 2018

Il ruolo dell’agricoltura, diventa centrale in un’ottica di gestione rivolta alla sostenibilità ambientale, mantenendo il delicato equilibrio tra ambiente, bisogni sociali e attività economiche. Cinque gli interventi di esperti, il dott. for. Francesco Grohmann direzione regionale agricoltura ambiente – servizio foreste, montagna, sistemi naturalistici, faunistica, il dott. for. Giorgio Iorio della Comunità Montana Valnerina, il prof. Paride D’Ottavio del dip. scienze agrarie, alimentari, ed ambientali dell’Università Politecnica delle Marche, il prof. Mariano Pauselli del dip. scienze agrarie, alimentari, ed ambientali UR di scienze zootecniche e il prof. Angelo Frascarelli del dip. scienze agrarie, alimentari, ed ambientali UR di economia applicata dell’Università di Perugia.

A seguire il dibattito con le esperienze di Antonio Ricciotti, pastore della provincia di Ascoli Piceno e Stefano Bela pastore della provincia di Rieti e rappresentante del forum “La Terra dei Pastori”. Conclusioni affidate a Fernanda Cecchini assessore a agricoltura, cultura e ambiente della Regione Umbria. Al termine, inoltre, le greggi si metteranno “in bella mostra” e dalle ore 18 via a musica e festa con degustazioni di eccellenze locali.

Domani 14 aprile, alle 9, al via la fiera con l’apertura degli stand di eccellenze gastronomiche e molto altro, poi alle 10.30, in scena il laboratorio didattico “Il latte e i suoi derivati”, con dimostrazione dal vivo dell’arte della lavorazione del latte. Alle 12, la cerimonia di inaugurazione e benedizione della manifestazione, alla quale seguirà il “Pranzo del Pastore”, degustazione a ticket di prodotti tipici.

Il pomeriggio sarà aperto dall’esibizione itinerante per le vie della città di gruppi folk dell’Umbria e della Sardegna, tra organetti in festa e stornellatori. Infine, alle 18.00 “Gregge a tavola”, degustazione a ticket di prodotti tipici e dalle 18.30, la “Serata musicale di Fratellanza”, con lo spettacolo del Coro di Nuoro “Amici del Folklore” ed il concerto del gruppo Istentales. A seguire, evento musicale “Like Sardinia”, a cura dell’Associazione Culturale BNoise.

Domenica 15 aprile, alle 9 si riapriranno gli stand della fiera con il saluto del gruppo Tamburini Medievali di Cascia. Alle ore 11.00 la santa messa in Basilica e dalle 12.30 il “Pranzo del Pastore”, degustazione a ticket di prodotti tipici. Dalle ore 15, tutti a lavoro per dar vita alla ricotta salata da guinness dei primati, con degustazione gratuita, mentre sarà possibile assaggiare con un piccolo ticket anche la ricotta nei suoi mille gusti. A seguire la presentazione della “Paradura di ritorno” e gran finale alle 17.00 con il concerto dei “Musici”, con saltarello, taranta e pizzica.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*