Principe Emanuele Filiberto dona 50 mila euro per Madonna delle Grazie [VIDEO]

il Principe di Savoia ha consegnato all'Arcivescovo Renato Boccardo un assegno di cinquantamila euro

Principe Emanuele Filiberto dona 50 mila euro per Madonna delle Grazie

Principe Emanuele Filiberto dona 50 mila euro per Madonna delle Grazie

da Rita Procaccioli
NORCIA – “È un amore antico quello che mi lega a Norcia così come a tutta l’Italia.” Queste le parole del principe Emanuele Filiberto sotto le macerie della Madonna delle Grazie a Norcia. Questa mattina il Principe di Savoia ha consegnato personalmente all’Arcivescovo della Diocesi Spoleto-Norcia, Renato Boccardo, un assegno di cinquantamila euro.

Donazione che gli Ordini Dinastici di Casa Savoia hanno voluto elargire per sostenere il restauro della Chiesa nursina della Madonna delle Grazie fortemente danneggiata dagli eventi sismici del 24 agosto e del 30 ottobre.

“Il giorno dopo il terremoto abbiamo lanciato un appello a tutti i Cavalieri, ci siamo uniti ed insieme alla fondazione svizzera Giger siamo riusciti a portare quest’aiuto concreto per la ricostruzione di un luogo così importante per questo territorio. Proviamo ad essere presenti dove c’è bisogno, negli anni abbiamo provveduto a realizzare numerose piccole restaurazioni ma siamo stati presenti anche in situazioni più complesse sia in Italia che all’estero. Il nostro modo di operare è apolitico e purtroppo riusciamo ad offrire sostegno più velocemente delle burocrazia” ha spiegato il reale di casa Savoia.

In quest’occasione il Principe Emanuele Filiberto ha evidenziato il suo profondo affetto per l’Umbria, raccontando le sue passeggiate a Norcia e le giornate in cui veniva in Umbria a fare rafting con le figlie. “Questo è uno dei segni concreti di solidarietà, tante piccole gocce formano l’oceano e alleandosi insieme riusciremo a fare qualcosa di concreto” ,ha replicato l’arcivescovo Boccardo entusiasta della rete di aiuti che ha abbracciato e continua ad abbracciare la cittadina nursina.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*